VIVERE LE FASHION WEEK. I MIGLIORI INDIRIZZI

4729
0
Condividi:

I migliori indirizzi di New York, Londra, Milano e Parigi per hotel, ristoranti, negozi e quant’altro.

Per molti, soprattutto per gli addetti al settore, Settembre e Moda sono termini sinonimi. Infatti le 4 fashion week di New York, Londra, Milano e Parigi portano giornalisti, buyers, blogger e tanti altri a dover girare il mondo per seguire sfilate, presentazioni o fantasmagoriche feste organizzate dalle varie case di moda. Sempre di più anche non addetti al settore, socialite e appassionati decidono però di seguire in prima persona questi eventi, spostandosi tra tutte, o alcune, le quattro mete della settimana della moda. Per tutti costoro, addetti e non, The Italian Eye ha elaborato una breve guida di queste 4 città coi migliori indirizzi per poter rendere l’esperienza ancora più ‘alla moda’.

NEW YORK

The Polo Bar (1 E 55th St – New York, NY 10022 – +1 212-207-8562)

Ristorante di Ralph Lauren aperto da pochi mesi che propone tipica cucina americana e ottimi cocktail ispirati ai preferiti da Ralph stesso. Lo stile un po’ Old America, tipicum stilistico di Ralph Lauren, rende il locale elegante e molto accogliente.

Creel and Gow (131 East 70th Street New York, NY 10021 – + 1-212-327-4281)

Sembra una caverna delle meraviglie. In questo negozio di oggetti d’arredo in stile Wunderkammer, ci si muove tra animali impagliati, mirabilia e oggetti da grand tour. Non è certo a buon mercato ma le cose che si trovano sono veramente uniche. Vale la pena di andare anche solo per ammirare le bellezze in vendita.

The NoMad Hotel (1170 Broadway – New York, NY 10001 – +1 212-796-1500)

Nuovo Boutique hotel sulla Brodway. Camere accoglienti in stile classico e parti comuni molto ricche. L’hotel organizza anche eventi come balli mascherati e il suo bar è molto frequentato durante fashion week.

Madame Geneva (4 Bleecker Street – New York, NY 10012 – + 1 212.254.0350)

Cocktail bar a Noho ispirato a una lounge del sud est asiatico coloniale. Ottima la selezione di gin, dal cui nome ottocentesco il bar prende il suo nome. Il locale serve anche qualche piatto dai richiami asiatici.

Rebelle (220 Bowery – New York, NY 10012 – +1 917 639 3880)

Ottimo ristorante a Downtown che serve cucina americana creativa. Carne pesce e piatti vegetariani. Location di stile industriale molto curata. Ottimo rapporto qualità prezzo.

LONDRA

The Wolseley (106 Piccadilly – London W1J, 9EB – +44 020 7499 6996)

Sala da the in stile decò a Piccadilly. E’ un all day dining quindi si può venire per fare colazione, brunch, pranzo, ora del the o cena. Cucina inglese e continentale. Ottime e assolutamente da provare le Eggs Benedict. L’ora del the in stile inglese con selezione di dolci e salati è anche molto piacevole. Anche se il posto è molto grande bisogna prenotare perché è sempre molto affollato.

Blakes Hotel (33 Roland Gardens – London SW7 3PF – +44 (0)20 7370 6701)

Quando questo hotel, situato tra Kensington e Chelsea, ha aperto nel 1978, era considerato il primo boutique hotel di lusso del mondo. Ispirato nei suoi interni a una ricca casa vittoriana con richiami etnici da tutto il mondo coloniale, ha poche camere e un ottimo servizio. Nonostante le ridotte dimensioni, l’hotel ha un ottimo ristorante ed un bar molto frequentato anche da chi non soggiorna nell’hotel

Loulou’s (‪5 Hertford Street – ‪Mayfair W1J, Londra – +44 020 7408 2100)

Member’s club molto alla moda a Mayfair. Si può cenare, venire per drinks o per ballare, ma bisogna rigorosamente essere soci o essere accompagnati da un socio. The place to be.

Sir John Soane’s Museum (13 Lincoln’s Inn Fields – London WC2A 3BP – +44 20 7405 2107)

Casa Museo del celebre architetto Neoclassico John Soane che progettò la casa e la disposizione della ricca collezione artistica al suo interno come un mausoleo autocelebrativo. Le stanze sono rimaste nell’assetto originario e al loro interno sono conservati progetti e modelli architettonici che permettono di farsi un’idea dell’assetto urbano della Londra dei primi ottocento.

David Saxby Shop (60-62 Fulham High St – London SW6 3LQ, – +44 20 7610 6558)

Nel negozio di David Saxby si è sommersi dal colore e dalla quantità di roba presente. Da lui si trova tutto ciò che deve essere presente nel guardaroba del gentlemen inglese, dalle giacche in tweed, ai capi per la caccia, ai panciotti colorati per il tight. Prezzi accessibili per un eleganza senza tempo.

Mildreds (45 Lexington street – Soho, W1F 9AN – +44 20 7494 1634)

Cucina vegetariana con ingredienti organici e biologici. Ottimo rapporto qualità prezzo. Ambiente semplice ma raffinato e molto ben frequentato.

MILANO

Al Fresco (via Savona 50 – 20144, Milano – +39 02 495.33.630)

Ristorante nato dalla trasformazione di un vecchio magazzino industriale nella ormai super-modaiola zona di via Savona/Tortona. Nella bella stagione si mangia cortile pieno di verde sapientemente illuminato. Un vero e proprio rifugio dal caos urbano. Cucina creativa con abbinamenti insoliti a base sia di carne che pesce. Molti anche i piatti per vegetariani.

B-Cafè (via San Maurilio 20 – 20123, Milano – +39 02 89093317)

Arredi industriali e frequentazione hipster per questo bar nel distretto delle 5 vie, zona centralissima vicino al duomo ricca di gallerie d’arte e negozi di design. Nel menù sono presenti solo panini o dolci. Ingredienti freschissimi e abbinamenti ricercati. Perfetto per un lunch veloce, non certo gluten free, o per un aperitivo happy hour.

Dry Cocktail Bar (Via Solferino 33 – 20124 Milano – +39 02 6379 3414)

Cocktail bar di design perfetto per una bevuta serale. I drink sono molto buoni e ricercati. Ottimo il Bloody Mary. C’è anche una piccola cucina per pizze o focacce da prendere come stuzzichini mentre si beve. Certe volte bisogna aspettare un po’ prima che si liberi un tavolo. Frequentatissimo durante la fashion week.

Mandarin Oriental Hotel (via Andegari 9 – 20121, Milano – +39 +39 02 8731 8888)

Appena inaugurato, quest’albergo di lusso si trova in una zona centralissima di Milano, a due passi dal quadrilatero. Due ristoranti, un bar, una piscina coperta e una bellissima spa. Il posto perfetto dove riposarsi tra una sfilata e l’altra.

Armani Libri (Via Manzoni 31- 20121, Milan – +39 02 72318675)

Considerata una delle più fornite di librerie di moda della città. Tra i suoi scaffali trovano posto tuttavia anche volumi di viaggi, design e arte. Se cercate un libro che faticate a trovare andate da Armani Libri e con molta probabilità lo troverete.

Museo Bagatti Valsecchi (Via Gesù, 5 – 20121 Milano – +39 02 7600 6132)

Una casa museo che è un gioiello nel cuore di Milano. Al suo interno preziose opere del rinascimento lombardo. Una pausa culturale e culinaria perché all’interno del palazzo del Museo si trova l’ottimo ristorante ‘Il salumaio di Montenapoleone’. Per la nostra guida al Museo Bagatti Valsecchi clicca qua. Qua la nostra Guida completa sulla città di Milano.

PARIGI

Loulou’ (90 Boulevard Saint Germain – Paris 5ème – +33 1 46 34 86 64)

Anche se all’apparenza questo locale nel Quartier Latin sembra un tipico bistrot francese, il menù mischia accenti parigini a piatti americani: insalate, hamburger, bagel new york style, oltre a piatti francesi di carne e pesce. Buonissima la soup d’onion. Nel week end serve brunch all’americana.

Club Sandwich (Le YoYo at Palais de Tokyo – 20 avenue de New York – 75116 Paris)

Il club Sandwich è una serata organizzata una volta al mese circa (comunque sempre durante fashion week) presso il celebre club YoYo dentro il Palais de Tokyo. Ogni serata ha un tema e l’impegno che i partecipanti mettono nella scelta dei travestimenti è sicuramente degno di nota. Non è facile entrare vista la rigorosissima selezione all’ingresso, ma vale la pena provare.

Chez Julien (1 rue du Pont Louis-Philippe – Paris 4ème – +33 1 42 78 31 64)

Ristorante francese con piatti tradizionali di carne e di pesce. Luci soffuse e atmosfera da 10 e lode. Prenotate con anticipo perché è sempre pieno.

Le Deux Abeilles (189 Rue de l’Université, Paris 7ème – +33 1 45 55 64 04)

Piccolo cafè nascosto vicino alla Tour Eiffel. Qua si viene per mangiare i dolci della casa. La tarte tatin è considerata da molti parigini la più buona di Parigi e forse di tutta la Francia.

Hotel Amour (8 Rue de Navarin – Paris 9ème – +33 1 48 78 31 80)

Boutique hotel di design nel quartiere Pigalle, che se una volta era la zona a luci rosse di Parigi, oggi è un quartiere molto trendy, popolato di artisti, cafè e parigini radical chic. Si può venire anche solo per bere una cosa al bar, per mangiare nel ristorante dell’hotel, o per il brunch domenicale che è ottimo.

Testo di Federico Sigali

Condividi: