VISITARE LA VALTELLINA: TRA SAPORI ANTICHI, EVENTI, SAGRE E PAESAGGI ALPINI

212
0
Condividi:

La Valtellina è una regione in prevalenza montuosa all’estremo nord della Lombardia che dal lago di Como si estende fino alla Svizzera. Non lontana da Milano e a un passo dal confine svizzero, la Valtellina è una terra abitata da gente semplice, ricca di tradizioni, con una natura selvaggia e capace di accogliere i visitatori nei numerosi villaggi permettendo loro di riassaporare lo spirito di un tempo. Nonostante le montagne siano il primo elemento a cui si pensa, al territorio valtellinese sono associati molti altri elementi: castelli, chiese, santuari, terme, riserve naturali, località sciistiche e un ricco repertorio enogastronomico.

L’enogastronomia come punto di partenza

Visitare la Valtellina - Bresaola

Visitare la Valtellina – Bresaola

Il modo migliore per scoprire questa terra così ricca di tesori artistici, culturali e naturali, è quello di organizzare una visita a 360° per non lasciarsi sfuggire nulla. Essendo un’area molto vasta, c’è l’imbarazzo della scelta, ma per pianificare al meglio il proprio viaggio occorre trovare un filo conduttore. Tra quelli assolutamente da provare vale la pena citare l’enogastronomia.

Valorizzando le sue antiche ricette, la Valtellina ha saputo riproporle in un’offerta turistica all’avanguardia. Gli itinerari enogastronomici in Valtellina sono, infatti, numerosi quanto lo sono i prodotti che fanno parte dell’identità culturale. Ad essi si aggiungono le visite guidate in azienda, in cui il pubblico ha occasione di entrate in contatto con l’etica di produzione e vedere da vicino la lavorazione dei prodotti che poi si trovano sulle nostre tavole.

Accanto a queste proposte, vengono organizzate manifestazioni per far conoscere le specialità della cucina valtellinese, in un’atmosfera allegra e festosa. I visitatori che accorrono numerosi dalle aree circostanti e anche da ben più lontano per partecipare a questi eventi hanno la possibilità di immergersi completamente nella destinazione in cui si trovano, vivendo un’esperienza sensoriale unica in cui territorio e paesaggio non sono solo un semplice sfondo, ma vengono direttamente toccati con mano e vissuti.

Cinque imperdibili esperienze

Il piatto valtellinese per eccellenza

Visitare la Valtellina - Pizzoccheri

Visitare la Valtellina – Pizzoccheri

Antica capitale della Valtellina, Teglio gode di una posizione strategica esattamente al centro del territorio valtellinese. Oltre a rappresentare la base ideale per visitare i luoghi nelle vicinanze, è anche un paese dalla straordinaria bellezza dove si vive e si mangia bene.

Il borgo offre numerose occasioni per gustare i sapori della buona cucina e, come recita il cartello all’ingresso del paese, Teglio è la patria del pizzocchero. Tra gli eventi, il “Pizzocchero d’Oro” è infatti un appuntamento fisso per villeggianti e abitanti. In diverse date a partire da settembre è possibile assaggiare queste originali tagliatelle al grano saraceno condite con formaggio, burro, patate, verze e aglio. Considerato una volta un piatto povero e ipercalorico adatto a compensare le fatiche del lavoro della gente di montagna, oggi, a difesa dell’originale ricetta, è stata addirittura fondata un’accademia chiamata, appunto, l’Accademia del Pizzocchero.

Una mostra ricca di gusto

Visitare la Valtellina - Bitto di Morbegno (Ph. by Visit Valtellina)

Visitare la Valtellina – Bitto di Morbegno (Ph. by Visit Valtellina)

Ogni anno, da oltre cent’anni, Morbegno organizza nella stagiona autunnale la famosa Mostra del Bitto, grasso formaggio d’alpe, simbolo di antiche tradizioni tramandate nel tempo. La mostra coinvolge tutta la cittadina e, oltre ai numerosi visitatori, vede partecipare anche esperti nel settore enogastronomico. Assaggiatori professionisti vengano infatti chiamati a giudicare e a valutare il Bitto.

Oltre allo spazio degustazione in cui si trovano vari stand di street food, sono organizzati convegni, spettacoli di show cooking, lavorazioni in diretta e molte altre attività.

Viti e sapori d’autunno

Visitare la Valtellina - Wine Trail

Visitare la Valtellina – Wine Trail

Simbolo dell’identità valtellinese è la produzione di vino. L’area vitivinicola si estende per circa 40 chilometri da Ardenno a Tirano, e i vini qui prodotti sono conosciuti in tutto il mondo.

Per scoprire e degustare i vini ci sono molte possibilità. Due esempi sono le visite alle case vinicole e la partecipazione a sagre e appuntamenti organizzati nei comuni valtellinesi. Oppure si può aderire alle iniziative proposte dal Movimento Turismo del Vino, che organizza dal 1993 in tutta la penisola italiana la manifestazione Cantine aperte. In questa occasione le aziende vinicole fanno conoscere il loro vino e cercano di farlo apprezzare come unicità del territorio.

Oltre a ciò vi sono le Strade del Vino, che consentono di esplorare il territorio seguendo i numerosi percorsi tracciati sulla scia dei principali vigneti, per un totale di 67 km percorribili a piedi, in bicicletta e a tratti in automobile. Attraverso i vigneti del Maroggia, del Sassella, del Grumello, dell’Inferno e del Valgella è possibile scoprire i bei paesaggi caratterizzati dai terrazzamenti vitati e dai piccoli nuclei abitati appesi ai pendii. Lungo il tragitto vi sono moltissime opportunità di ristoro, di alloggio, di degustazione e di acquisto.  Inoltre occorre ricordare i bellissimi monumenti in cui ci si imbatte percorrendo le Strade del Vino come castelli abbandonati, fortezze e chiesette.

E, ancora per gli amanti del vino, esiste la Valtellina Wine Trail, una corsa tra i terrazzamenti in provincia di Sondrio. La manifestazione si divide in tre percorsi a seconda dell’allenamento dei partecipanti: la Wine Trail, la Half Trail e la Sassella Run.

I crotti

Visitare la Valtellina - Chiavenna, città dei crotti

Visitare la Valtellina – Chiavenna, città dei crotti

I crotti sono, come dice anche il nome, grotte nella roccia utilizzate come cantine naturali, caratterizzate da una temperatura mediamente costante durante tutto l’anno. Usati come celle frigorifere fin dai tempi più lontani, i crotti custodiscono ancora oggi i buoni cibi del territorio, come la bresaola.

La Sagra dei Crotti propone percorsi enogastronomici nella cittadina di Chiavenna, per godersi a un ritmo “slow” i tesori culinari della valle.

Sagre nei borghi

Visitare la Valtellina - Tirano

Visitare la Valtellina – Tirano

Ponte in fiore è un evento organizzato nei mesi primaverili che prevede spettacoli musicali, cinematografici, mostre fotografiche e camminate nella bellissima Ponte, in cui i meleti fioriti fanno da cornice.

Gustosando comprende invece una serie di itinerari enogastronomici nella parte bassa della Valtellina. Questi si concentrano in particolare nella zona della Val Gerola.

A Tartano, dove si trova l’Accademia della Polenta, non poteva certo mancare un evento dedicato a questo piatto unico. Delizie di polenta riunisce infatti cuochi e albergatori con lo scopo di attirare l’attenzione dei visitatori e di rilanciare la località nello scenario turistico.

La Sagra del mirtillo di Rasura è infine una delle più amate da grandi e piccini. Il frutto viene utilizzato non solo per deliziosi dolci e confetture, ma anche per la preparazione di risotti.

Cover Photo by Weekend Premium

Pages: | Multi-Page

Condividi: