VISITARE CAPALBIO: UNA GUIDA DA ABITUE’

10514
0
Condividi:

 Margherita e Olivia Puri Negri ci svelano i loro indirizzi preferiti in Maremma per visitare Capalbio come dei veri abituè. 

Cronache mondane, cronache politiche o cronache culturali, poco importa di che natura siano, fatto sta che Capalbio è da sempre al centro di cronache di vario genere per le sue numerose manifestazioni (o happening, come è più chic chiamarli), le sue frequentazioni altisonanti o semplicemente, e giustamente, per la bellezza delle sue spiagge e del suo territorio.

Al di là dei volti da copertina patinata, delle paparazzate sotto l’ombrellone o delle feste iper-rapè organizzate nelle ville e tenute che disegnano il territorio, quello che pochi sanno è che Capalbio conserva in se un animo rude e veracemente maremmano che è facile trovare appena si lasciano alle spalle i luoghi più turistici per immergersi nei suoi ristorantini campagnoli, nelle sue spiagge selvagge, tra oasi naturali, butteri (cavalieri maremmani) e piatti di cinghiale come non ne avete mai mangiati.

VISITARE CAPALBIO : COSA FARE

Spiaggie

Essendo Capalbio una località balneare andare in spiaggia è certamente uno dei passatempi migliori. I dieci kilometri di spiaggia di fronte all’oasi faunistica di Burano sono incantevoli e completamente deserti; i passaggi al mare sono pochi e non ci sono parcheggi e proprio questa difficoltà di arrivarci ha permesso di mantenerle la spiaggia così intatta. Per chi volesse invece stare comodo lo stabilimento balneare to-be è sicuramente La Dogana, dove c’è anche un ottimo ristorante di pesce. Altre spiagge carine si trovano all’Argentario, dove l’acqua è forse migliore rispetto alla costa di Capalbio. Due esempi sono la spiaggia della Feniglia o quella della Giannella, anche se in estate sono un po’ troppo affollate.

Gite a Cavallo 

Capalbio, come tutta la Maremma, è il paradiso per gli amanti dell’equitazione. Molti assidui frequentatori del posto hanno i loro cavalli ma anche per chi fosse di passaggio è possibile prenderli a noleggio (ad esempio presso La Capanna del circolo S. Irma). Galoppare tra le colline e i paesaggi pieni di ulivi è molto bello, ma la cosa che rende Capalbio speciale per questo sport è la possibilità di fare lunghe cavalcate sulla spiaggia. Come quella di fronte all’oasi di Burano, per arrivare fino alla torre di avvistamento Saracena. Molto suggestivo.

Barca

Per chi decidesse di fare Capalbio la meta delle proprie vacanze e dunque stare qualche settimana, è obbligatorio prendere una barca per esplorare il mare magnifico delle isole dell’arcipelago toscano. Giglio, Giannutri o anche semplicemente le vicine isole delle Formiche o l’Isola Rossa. Le agenzie che noleggiano le barche sono quasi tutte all’Argentario (Zeurino Barche +39 0564 818728; Tolù +39 0564 810321).

Terme di Saturnia

A circa un ora di auto da Capalbio si trova uno degli spot termali più celebri d’Italia. Le terme di Saturnia, conosciute sin dall’antichità etrusca, sono un luogo perfetto per passare una giornata autunnale o primaverile. Si può scegliere tra quelle libere, con polle di acqua calda degradanti sul letto di un fiume (molto suggestive) o quelle dell’Hotel delle Terme, certamente più lussuose ma forse meno scenografiche.

VISITARE CAPALBIO : COSA VEDERE

Giardino dei Tarocchi (Località Garavicchio, Capalbio GR, +39 0564 895122)

Un giardino fiabesco, ideato dall’artista Niki de Saint Phalle, che decise di intraprendere la costruzione dopo la visita al Parc Guell di Barcellona al quale questo giardino è molto ispirato. Le statue, costruite con specchi, mosaici, vetri e ceramiche colorate sono riprese dalle figure degli arcani maggiori dei Tarocchi. La costruzione dell’opera ha impiegato quasi 20 anni ed il percorso è costellato da simboli esoterici e messaggi in codice. Una cosa che vale veramente la pena visitare.

Capalbio Alta

Visitare Capalbio alta, arroccata sul cucuzzolo di una collina, con i suoi stretti vicoli e le sue casette di pietra è sicuramente una delle prime cose da fare quando si giunge in zona. Meraviglioso passeggiare all’ora del tramonto ed ammirare in lontananza il sole che si posa sul mare da uno dei tanti punti panoramici.

Isole dell’Arcipelago Toscano

Da Capalbio, noleggiando una barca si può facilmente arrivare alle bellissime isole del Giglio e Giannutri, oppure alle inaccessibili calette dell’Argentario. Il mare che si trova qua non ha problemi a rivaleggiare con nessun’altro mare del mondo e le isole sono molto selvagge e piacevoli anche per un escursione a piedi o cavallo. Un ottima idea è anche quella di noleggiare una barca per due giorni e fermarsi a dormire in rada al Giglio o a Giannutri.

Isola di Montecristo

L’isola di Montecristo merita un discorso a parte poiché per potervisi recare bisogna aggregarsi a una gita organizzata e aver ottenuto speciali permessi. L’isola, riserva naturale super protetta, è però un posto meraviglioso dove fare una giornata di trekking con dei panorami mozzafiato.

Oasi Naturalistica del lago di Burano

Un area di 410 ettari protetta dal wwf (parte della tenuta SACRA dove è possibile alloggiare – vedi DOVE STARE) nella quale è possibile fare escursioni per avvistamento animali accompagnati da volontari del wwf.

VISITARE CAPALBIO : DOVE DORMIRE

Hotel il Pellicano (Località Sbarcatello, 58019 Porto Ercole GR, +39 0564 858111)

Questo è probabilmente l’hotel più bello in zona. Si trova a Porto Ercole, sulla penisola dell’Argentario, a circa 25 minuti da Capalbio. Costruito negli anni ’60 come dimora estiva di una coppia di jet setter inglesi, sono state ospiti della casa moltissime personalità di spicco dell’epoca. Negli anni ’70 è stato poi riconvertito ad hotel. Il lusso della struttura, con i servizi e le comodità di un 5 stelle, compreso un ristorante Michelin, non viene per nulla ostentato ma anzi, rimane silenzioso nascosto dietro la semplicità apparente dell’hotel. Da comprare assolutamente il libro edito da Rizzoli sulla storia dell’hotel, con immagini n bianco e nero, che fanno scoprire l’evoluzione dell’hotel dalla sua apertura fino ad oggi e i personaggi del mondo del design, della moda, della cultura e dell’arte che l’hanno frequentato. Da 480 Euro a notte la camera matrimoniale.

Locanda Rossa (Strada Capalbio Pescia Fiorentina 11b, 58011 Capalbio GR, +39 0564 890462)

Chicchissima farm house tra le colline di Capalbio a pochi minuti di auto sia dal mare che dal paese vecchio. La locanda dispone di 13 stanze e 4 appartamenti, una meravigliosa spa ed un bellissimo giardino con piscina. Arredata sia nelle parti comuni che nelle stanze con opere d’arte contemporanea. La locanda offre spesso promozioni, soprattutto fuori stagione, come il pacchetto 4 notti, con colazione, percorso spa, noleggio bici e tour guidato della Maremma a 460 euro a persona in camera matrimoniale.

Tenuta SACRA (Strada Litoranea Burano 17, 58011 Capalbio, GR, casali@sacra.it , +39 0564 893243)

Un sogno tra mare e campagna. Una serie di casali immersi nella riserva naturale del lago di Burano, oasi litoranea con quasi 10 km di costa protetta dal wwf. Ogni casale ha l’accesso diretto al mare, un mare selvaggio che grazie ai pochissimi accessi pubblici è quasi sempre deserto anche in alta stagione, cosa rarissima per la costa toscana. I casali, tutti arredati magnificamente, possono essere affittati sia per brevi periodi (anche settimanali) che per l’intera stagione (o anche annualmente). L’unica scelta possibile per stare vicino al mare a Capalbio.

VISITARE CAPALBIO : DOVE MANGIARE

La Capanna del circolo S. Irma (‪Via MonteVerro N°5, 58011 Capalbio, Italia +39 339 306 2759)

Questo ristorante, ufficialmente un circolo privato, si trova all’interno di un maneggio dove è anche possibile fare lezioni di equitazione o noleggiare un cavallo per fare delle belle passeggiate tra le colline di Capalbio. Ottima cucina toscana tipica, soprattutto di carne, con crostini, affettati, bistecche e pollo alla diavola (loro specialità), tutto cucinato sulla brace del camino. Ottimo anche il rapporto qualità prezzo.

Rosso e Vino alla Dogana (Via Graticciaia, 58011 Chiarone Scalo, Capalbio GR)

+39 0564 890344). Ristorante sulla spiaggia, situato nell’omonimo stabilimento balneare. Perfetto sia per il giorno che per la sera. Cucina prevalentemente di mare molto ricercata e molto buona. La sera, con lo stabilimento chiuso, le candele, ed il suono del mare in sottofondo è molto carino.

Ristorante Il Frantoio (Via Renato Fucini 10, Capalbio GR, +39 0564 896484)

Forse uno dei ristoranti più famosi della zona. Si mangia all’interno del vecchio frantoio di Capalbio alto o nel delizioso giardino estivo tutto illuminato di candele. La cucina è tipica toscana con delle rivisitazioni più moderne, comunque ottima. La cosa molto particolare del posto è la presenza di una galleria d’arte al piano di sopra del ristorante, di una libreria che vende libri legati alla zona e di un negozietto molto carino che vende abiti in lino, cappelli e gioielli dal sapore etnico. Se non andate a mangiare potete andare a bere una cosa al bar del ristorante che di sera, soprattutto in estate, si riempie di giovani che bevono e ballano: l’ambiente è molto allegro.

Ristorante Fontanile del Caprai (Localita’ Fontanile Dei Caprai, Capalbio, GR, 58011)

Il Fontanile dei Caprai è un caratteristico capanno di legno nato negli anni ’60 come ristoro e rifugio per cacciatori. Situato nel cuore delle colline capalbiesi, immerso nel verde di un’ampia campagna, conserva tutt’oggi i tipici sapori e tradizioni della cucina di un tempo. Zuppe povere (acquacotta, farro), paste all’uovo tirate a mano, tortelli di ricotta e spinaci, carni maremmane, cinghiale, maialino arrosto e scottiglia sono alcuni dei piatti tipici di questo ristorante. Per poi concludere con vari dolci fatti in casa e immancabili cantucci con vin santo.

Ristorante Doria (Via Thaon de Revel, 18, 58012 Isola del Giglio GR +39 0564 809000)

Per chi andasse a fare un’escursione all’isola del Giglio il posto in cui fermarsi a mangiare è sicuramente il Doria, affacciato sul porticciolo di Giglio Porto. Le proposte culinarie rispettano la tipica tradizione ittica toscana, con uno sguardo all’innovazione; pescato di Paranza, frutti di mare, crudità, il tutto preparato con l’attenzione che la famiglia Basini ha sempre dimostrato da 25 anni ad oggi, con la qualità degli elementi come principale declinazione della cucina.

VISITARE CAPLABIO: NIGHTLIFE

A Capalbio alta il posto più carino è il bar del ristorante Il Frantoio (vedi Dove Mangiare): un posto molto allegro con musica e ottimi drink. Se ci si vuole spostare da Capalbio il bar La Polverosa, ad Orbetello (180 via Regionale 74 Maremma, La Polverosa, GR 58015), all’interno di una tenuta agricola, è un ottimo punto di ritrovo dove fare festa con dj e band live, ed è forse l’unico vero locale della zona.

Testo di Federico Sigali

Guida di Margherita e Olivia Puri Negri

Condividi: