IL ROMANTICISMO DI VILLA GRABAU

2743
0
Condividi:

Alla scoperta del complesso storico di Villa Grabau: giardini botanici, fontane, una villa del ‘500 e una maestosa e suggestiva Limonaia.

Il romanticismo di Villa Grabau

Il romanticismo di Villa Grabau

Il complesso storico di Villa Grabau sorge tra le colline appena fuori Lucca, sulle pendici del monte Pizzorne. Essendo rivolto a valle, verso la città, gode di un panorama splendido. La villa principale dall’assetto originale rinascimentale è disposta su tre piani ed è una dimora risalente al 1412, edificata dai Diodati su un edificio già esistente. Dopo essere passata alla famiglia Orsetti e alla famiglia Cittadella arriva al banchiere tedesco Schwartze e alla moglie Grabau, famosa per aver curato in modo particolare gli affascinanti giardini in collaborazione con l’orto botanico di Lucca.

Il romanticismo di Villa Grabau

Il romanticismo di Villa Grabau

I segni cinquecenteschi sono ancora visibili: l’allineamento tra salone principale e loggiato, il tetto a padiglione e le decorazioni nelle pareti interne. La veste neoclassica, derivata da successivi interventi, è invece riconoscibile dalle vetrate, dalle tende dipinte a muro insieme ad affreschi di ninfe e immagini geometriche. 

Matrimonio a Villa Grabau

Matrimonio a Villa Grabau

A colpire e completare la veduta della villa è sicuramente il grande giardino all’ italiana, impreziosito da manufatti in marmo e bronzo, fontane ornamentali ed una giardino d’inverno all’interno di una serra. Il luogo è particolarmente apprezzato per set fotografici, cerimonie e feste che vanno a concentrarsi nell’area della Limonaia, una romantica e maestosa serra che risale al 1600, circondata dallo scenografico parco botanico con alberi secolari e ornamenti floreali di vera rarità. Anche il Teatro di Verzura è altresì frequentato per eventi musicali estivi, mentre le tre residenze, Casa Annadora, Stalletta e Casa di Orazio, risultano essere un intimo ritrovo all’interno dei maestosi giardini per coloro che volessero trascorrere le vacanze al sole della Toscana.

La Limonaia di Villa Grabau

La Limonaia di Villa Grabau

http://www.villagrabau.it/

http://www.villagrabaulucca.it/

Cosa visitare nelle vicinanze di Villa Grabau

Una città: Lucca

Senza dubbio da Villa Grabau non si perderanno di vista le grandiose mura che racchiudono la città di Lucca. Con una lunghezza totale di 4 km sono adatte per una bella passeggiata all’aria aperta. Addentrandosi nel centro storico è possibile visitare il Duomo dedicato a San Martino, risalente alla seconda metà del ‘500 e con dettagli in stile romanico; il Palazzo Ducale, ex dimora della duchessa Elisa Baciocchi ed ora sede della Provincia; Piazza dell’Anfiteatro edificata sulle spoglie di un antico anfiteatro romano del II secolo d.C..

Un borgo: Castiglione di Garfagnana

Il borgo nascosto tra gli Appennini è sito di tradizioni e leggende, con un castello originario del periodo Romano ancora oggi intatto. Qui si rivivono gli antichi splendori durante la festa Medioevale nel mese di agosto. È una meta culturale ma anche naturalistica, con percorsi sportivi nel circondario.

Il mare: Marina di Pietrasanta

Meta turistica estiva di alto livello, Marina di Pietrasanta è famosa per la sua spiaggia vasta ed il mare limpido; il litorale è arricchito da ville, tra cui quella che ospitò il poeta Gabriele d’Annunzio, e una buona quantità di alberghi e siti balneari che offrono servizi completi. Il tutto nella cornice del Parco della Versilia.

Cosa mangiare nella zona

La cucina lucchese è molto semplice e genuina. I suoi primi si basano su zuppe di farro e fagioli; la garmugia contiene fave, cipolla, asparagi e pancetta, mentre la farinata è una torta salata a base di ceci. I secondi offrono rovelline a base di manzo e sugo, baccalà con i ceci o coniglio. Per dolce è obbligatorio assaggiare il castagnaccio, fatto di farina di castagne e farcito con noci e pinoli; altra chicca è il buccellato con anice ed uvetta, considerato tipicamente lucchese.

Condividi:

Leave a reply