MARE ALTERNATIVO: CAMMINANDO SULLE ACQUE DEL NORD EUROPA CON IL MUD WALKING

2546
0
Condividi:

Non stiamo parlando di qualcosa di miracoloso, bensì di un modo diverso (condito da un pizzico di avventura) di entrare in contatto con l’ecosistema marino. È il Mud Walking, da praticare in una vasta area litoranea fangosa prodotta dell’effetto delle maree. Immersi nell’intensa luce del Mare del Nord.

Lo chiamano mud walking, letteralmente “camminata nel fango”. Ma non stiamo parlando di campi allagati dal maltempo con annessi disagi.

Il mud walking è una singolare attività sportiva – un modo alternativo per vivere il mare di fine estate – che si può praticare nei bassifondi di un tratto di costa dellEuropa Nord Occidentale. Siamo nel Nord dei Paesi Bassi, nel cosiddetto Mare dei Wadden (dove wadden sta proprio per “fangoso”).

Mare dei Wadden - Mare alternativo: camminando sulle acqua del Nord con il Mud Walking. Ph. by Filippo Nardozza

Mare dei Wadden – Mare alternativo: camminando sulle acqua del Nord con il Mud Walking. Ph. by Filippo Nardozza

Questo “mare” dal nome tra il misterioso e il fiabesco è una piana litoranea formata dalle maree. Dalla Frisia (regione dei Paesi Bassi del Nord) arriva fino alla Danimarca meridionale. Un insieme di terre umide e melmose che emergono, lasciate quasi interamente scoperte dall’acqua, in condizioni di bassa marea, per poi essere sommerse con l’alta marea. Entrambi i fenomeni si ripetono dalla notte dei tempi due volte al giorno, mutando costantemente la conformazione di questa distesa di terra e acqua in cui “paciugare” è un vero e proprio sport. Il Mare dei Wadden è separato poi dal Mare del Nord vero e proprio (quindi dal mare aperto) da una linea di placide isolette costiere, della cui vista si può facilmente godere in lontananza.

Ma quando e come si pratica il mud walking?

Naturalmente nelle ore di bassa marea, e per questo è necessario avventurarsi con una guida che sappia condurvi nell’immensità del Wadden nel momento giusto, garantendo di non essere travolti dalle onde e dall’innalzarsi del livello del mare.

Diga costiera - Mare alternativo: camminando sulle acqua del Nord con il Mud Walking. Ph. by Filippo Nardozza

Diga costiera – Mare alternativo: camminando sulle acqua del Nord con il Mud Walking. Ph. by Filippo Nardozza

Potete provarlo partendo dal piccolo borgo di Pieterburen, nella provincia di Groningen (Paesi Bassi del Nord, appunto). Qui ci si incontra con la guida, che in auto conduce i visitatori – tra campi, fattorie e pecore in libertà – sino alla diga costiera; quest’ultima, costituita da massi, è stata eretta per proteggere la campagna da eventuali mareggiate. Scavalcata la diga, inizia la vera impresa. Scarpe solide ai piedi (meglio se impermeabili, ma sono adatte anche delle buone scarpe da tennis che potrete sempre lavare in lavatrice, se proprio non vorrete separarvene) ci si addentra in fila indiana, e con cautela, nel bassofondo melmoso, alternando tratti quasi completamente in secca a veri e propri canali che tagliano la spiaggia fangosa, ritrovandosi con l’acqua anche oltre le ginocchia.

Mare alternativo: camminando sulle acqua del Nord con il Mud Walking. Ph. by Filippo Nardozza

Mud Walking. Ph. by Filippo Nardozza

Mud walking Frisia

Verrà da chiedersi: perché andare fin nei Paesi Bassi ad inzaccherarsi in mezzo agli acquitrini? Una volta superato il limite mentale dell’impantanarsi, è chiaro che lo sforzo di camminare nella fanghiglia e nelle fredde acque nordiche, con l’effetto “risucchio” provocato dalla melma, non è indifferente. Ma lo spettacolo della vastità che vi circonda, l’incontro discreto con la fauna acquatica che popola l’area lagunare, il silenzio interrotto solo dallo stridio dei gabbiani, le policromie che le diverse tonalità di azzurro mescolate al marrone e al color sabbia creano allo sguardo, ripagano il tutto. Insieme al forte senso di libertà che si prova e che compenserà anche eventuali scivolate e cadute.

Non a caso, dal 2009 il Mare dei Wadden è stato inserito tra i Patrimoni dell’Umanità dell’UNESCO, condiviso tra Danimarca, Germania e Paesi Bassi, per il suo valore paesaggistico e naturale.

Alghe e conchiglie - Mare alternativo: camminando sulle acqua del Nord con il Mud Walking. Ph. by Filippo Nardozza

Alghe e conchiglie – Mare alternativo: camminando sulle acqua del Nord con il Mud Walking. Ph. by Filippo Nardozza

Sebbene la guida vi obbligherà a indossare le scarpe (una delle innumerevoli conchiglie e gusci di mollusco che popolano il bassofondo potrebbe graffiarvi), fare qualche passo a piedi nudi, con cautela, nel mix di sabbia, melma e acqua salmastra è un must, se non altro per la particolare sensazione tattile. Provare per credere.

Non solo fango nel Mare dei Wadden

La campagna frisone - Mare alternativo: camminando sulle acqua del Nord con il Mud Walking. Ph. by Filippo Nardozza

La campagna frisone – Mare alternativo: camminando sulle acqua del Nord con il Mud Walking. Ph. by Filippo Nardozza

Terminata quest’escursione, l’entroterra dei Wadden mette a disposizione la verdissima campagna frisone. Una provincia che tiene particolarmente alla sua identità e indipendenza culturale, dalla lingua all’onnipresente bandiera bianca e azzurra con cuoricini rossi. Completamente pianeggiante, questa regione è punteggiata da piccoli stagni, tipiche fattorie e abitazioni in mattoncini a vista nel tradizionale stile nord-europeo. Ovunque vi troverete ad ammirare giardini fioriti perfettamente curati e campi dove le leggendarie mucche pezzate bianche e nere e i celebri cavalli frisoni riposano indisturbati. Il modo migliore per gustarla è noleggiare una bici (mezzo di trasporto irrinunciabile e vera istituzione per gli olandesi) pedalando sulle numerosissime piste e sentieri immersi nella natura.

Leeuwarden - Mare alternativo: camminando sulle acqua del Nord con il Mud Walking. Ph. by Filippo Nardozza

Leeuwarden – Mare alternativo: camminando sulle acqua del Nord con il Mud Walking. Ph. by Filippo Nardozza

Infine, per evitare una overdose di panorami bucolici, è consigliata una tappa nei due centri principali dei Paesi Bassi settentrionali: Groningen – la piccola Amsterdam del Nord, vivace e giovane città universitaria – e Leeuwarden, capoluogo della Frisia e Capitale europea della Cultura per il 2018 (tra le bellezze architettoniche vanta, come Pisa, una torre pendente, l’Oldehove, risalente al lontano 1529). Le due città sono ben collegate dalla compagnia ferroviaria locale ARRIVA che consente il trasporto gratuito delle bici a bordo.

Come vivere il mare dei Wadden e la Frisia

Campagna frisone - Mare alternativo: camminando sulle acqua del Nord con il Mud Walking. Ph. by Filippo Nardozza

Campagna frisone – Mare alternativo: camminando sulle acqua del Nord con il Mud Walking. Ph. by Filippo Nardozza

Il mud walking si può svolgere fino a metà ottobre circa (a partire da maggio).

È possibile avere maggiori informazioni e prenotare la propria escursione con guida nel Mare dei Wadden olandese sul sito www.wadloop-dijkstra.nl, al numero +31 0595-528345 o scrivendo a info@wadloop.nl.

Oltre a un paio di scarpe chiuse (e meglio se non nuove di pacca) sono consigliati shorts e t-shirt. Da non dimenticare anche una felpa e un k-way per proteggersi da vento e spruzzi d’acqua. Evitare invece gli stivaloni di gomma, che fanno perdere sensibilità nel movimento, e quindi anche il gusto della passeggiata.

Per raggiungere la zona dall’Italia si può volare con collegamenti diretti su Amsterdam o su Brema (in Germania, ma vicinissima al nord dei Paesi Bassi e servita da voli low cost). Si arriva a Groningen in treno, con le ferrovie tedesche e olandesi.

Pieterburen, punto di partenza per il mud walking, è raggiungibile poi noleggiando un’auto o con i treni locali della compagnia ARRIVA fino a Winsum, dove si cambia per l’autobus 68.

Het Farm-house B&B. Ph. by Filippo Nardozza

Het Farm-house B&B. Ph. by Filippo Nardozza

Per il pernottamento nei dintorni è consigliata la Het Farm-house B&B, piccola fattoria a Twijzelerheide, nel vivace comune di Twijzel. Dotata di graziosi bungalow dai tetti a spiovente che si affacciano su uno stagno si situa nel cuore della verde campagna frisone. Da 59 euro a camera per notte, con colazione; noleggio bici disponibile.

Condividi: