NATIONAL TRUST, FRA STORIA E MITO DELLA GRAN BRETAGNA

3812
0
Condividi:

Gran Bretagna. Patria di narratori del calibro di William Shakespeare, Charles Dickens, Mary Shelley, T.S. Elliot. Terra di tumultuosi scontri di classi, razze, etnie e sovrani che hanno contribuito alla nascita di alcune delle più eccitanti leggende, originate dalle voci dei diretti testimoni. Ma dove nasce la vera essenza del Regno Unito? Seguiteci alla scoperta dei custodi generazionali di questi luoghi: gli edifici sospesi fra storia e leggenda della National Trust.

Coughton Court StPeters ChurchNel 1895, tre ricchi mecenati accettarono il compito di restaurare e preservare l’immensa ricchezza del patrimonio britannico, minacciato dall’usura del tempo. Il loro instancabile operato crebbe fino a diventare la National Trust dei luoghi di Interesse Storico e Bellezza Naturale. In breve, National Trust.

Negli anni l’organizzazione si è trasformata nella più grande al mondo nel suo genere. La sua sopravvivenza è in gran parte possibile grazie ai profitti degli abbonamenti annuali.

Baddesley Clinton2

L’organizzazione si è assunta il mastodontico incarico di preservare oltre 200 punti di interesse della storia inglese. Fra di essi figurano Stonehenge, il Vallo di Adriano e le case d’infanzia dei Beatles. Fra le acquisizioni recenti c’è il Castello di Ward, meglio conosciuto come Winterfell dalla serie televisiva Game of Thrones. La National Trust è anche l’ente privato che possiede più terra in assoluto: circa 610mila acri. Nel suo repertorio è poi da considerare una collezione di quasi un milione di opere d’arte.

All’organizzazione è stato dato il compito quasi sacrale di raccontare storie e leggende britanniche sia al pubblico inglese che straniero. Ciò le vale il titolo di curatrice del Regno Unito.

Pages: 1 | 2 | 3 | 4 |... 5 |... 6 |... 7 |... 8 |... 9 ... | Single Page

Condividi:

Leave a reply