LE RESIDENZE REALI PIÙ BELLE D’ITALIA

17560
0
Condividi:

I NORMANNI A PALERMO

E furono ancora i Normanni a progettare gli infiniti giardini che si estendevano alle spalle del Palazzo Reale. Qua i sovrani passavano l’estate, avendo imparato dagli arabi che l’acqua e il verde sono l’unico sollievo dal caldo. Dopo un lungo abbandono avutosi tra il regno angioino e quello aragonese, il palazzo avrà una nuova vita nel Rinascimento. Allora diventerà dimora dei viceré spagnoli, a cui si deve in gran parte l’aspetto attuale dell’edificio. Sono di quest’epoca il bellissimo cortile Maqueda: forse l’immagine più nota del Palazzo dei Normanni. Ma anche la severa facciata manierista, che ne cambiò definitivamente l’aspetto esteriore.

Residenze reali d'Italia: Palazzo dei Normanni, Cappella Palatina

Residenze reali d’Italia: Palazzo dei Normanni, Cappella Palatina

Quando poi re Ferdinando IV di Borbone a si trasferirà con tutta la corte al palazzo, per via dell’occupazione francese di Napoli, l’edificio si arricchirà anche di un osservatorio posto in cima alla torre Pisana: il centro fondamentale di tutta la struttura. Saranno poi molti i restauri che si susseguiranno dall’Unità d’Italia ai giorni nostri. Oggi le sale del piano nobile sono occupate dall’Assemblea Regionale Siciliana, quasi in continuità con i secoli passati.

Pages: 1 | 2 | 3 | 4 |... 5 |... 6 |... 7 |... 8 |... 9 |... 10 |... 11 ... | Single Page

Condividi: