ITINERARI IN VAL D’ORCIA: PROFUMI E SAPORI DI TOSCANA

5500
0
Condividi:

La meta perfetta per un weekend di primavera? Un itinerario fra le colline toscane. Dove l’ardua scelta è fra le passeggiate tra i borghi medievali e calici delle cantine più pregiate. Gli itinerari in Val d’Orcia non mancano. Il problema sarà solo l’imbarazzo della scelta.

Itinerari in Val d'Orcia - Tramonto sulla valle

Itinerari in Val d’Orcia – Tramonto sulla valle

Percorrendo la via Cassia in direzione Siena c’è un momento, più o meno a 20 km dal confine fra Lazio e Toscana, in cui si rimane senza fiato. Si pensa che il paesaggio non può essere reale. Che è stato sostituito da enormi pannelli dipinti a olio. Ma è tutto vero: i declivi dolci delle colline coltivate a vigneto, i filari ordinati dei cipressi sui crinali, campi di grano. Tutto fa venire voglia di scendere dalla macchina. A sfiorare con mano la morbidezza del verde appena nato in primavera e l’orgoglio svettante delle spighe d’oro in estate.

Siamo in Val d’Orcia, il cuore pulsante della Toscana da cartolina. Uno di quei posti che rendono palese perché tanti stranieri ancora conservino il sogno di una vecchiaia a coltivare la terra in Italia.

Punto di snodo fondamentale per i commerci fra Firenze, Siena e Roma, la Val d’Orcia vede i propri centri principali svilupparsi e fiorire in epoca rinascimentale. Ne consegue uno sviluppo urbanistico che unisce l’utilità militare all’estetica della regolarità. Tanto da meritare l’inserimento nel patrimonio mondiale dell’Unesco.

LUOGHI DA VISITARE IN VAL D’ORCIA

San Quirico D’Orcia

Itinerari in Val d'Orcia - San Quirico d'Orcia

Itinerari in Val d’Orcia – San Quirico d’Orcia

Ci sono profumi diversi qui. L’aria odora del legno dei vigneti. La rugiada mattutina sembra quasi impregnata degli oli essenziali che trasudano da castagni e olivi secolari. I sapori, poi, non sono certo da tralasciare.

Si parte dai fondamentali, e niente lo è più dell’olio extravergine d’oliva. Non è raro che le botteghe di San Quirico d’Orcia si aprano ad accogliere i passanti con degustazioni guidate dell’olio appena franto. Mentre in stagioni meno tiepide sulla via principale ardono bracieri in ferro battuto che ricordano punti di aggregazione di altri tempi.

Pienza

Itinerari in Val d'Orcia - Pienza

Itinerari in Val d’Orcia – Pienza

Gli stessi colori di San Quirico si ritrovano a Pienza, borgo costruito secondo i criteri di una città utopica da papa Pio II e Bernardo di Matteo Gambardelli detto il Rossellino, allievo di Leon Battista Alberti.

Qui i sapori diventano forti e il cibo è designato oggetto ludico. Due gli appuntamenti annuali che vedono sfidarsi le diverse contrade della città: il “gioco del cacio al fuso” e il “lancio del panforte”. Nel primo caso (settembre) gli sfidanti fanno rotolare caciotte di pecorino verso un fuso di legno piantato nella piazza principale. Mentre nel secondo (dicembre) a scivolare su lunghi tavoli per arrestarsi il più vicino possibile al bordo sono i dolci a base di miele, mandorle e spezie. Il tutto mentre il formaggio viene passato su piatti di legno insieme ad altre leccornie ed i contendenti indossano abiti cinquecenteschi. Alimentando la sensazione che il tempo sia sospeso.

Montalcino

Itinerari in Val d'Orcia - Brunello Biondi Santi

Itinerari in Val d’Orcia – Brunello Biondi Santi

Ma quale sosta toscana può davvero dirsi completa senza un bicchiere di vino? Spostandosi verso ovest si trova la cittadina forse più famosa della Val d’Orcia: Montalcino. Con la sua fortezza medievale e il suo rosso rinomato in tutto il mondo. Abitato già da un popolo atto alle libagioni come quello etrusco (il nome potrebbe derivare da “lucus”, “bosco sacro” in lingua etrusca), il borgo offre una vasta scelta di enoteche in cui fermarsi a sorseggiare il celebre Brunello di Montalcino: un vino composto al 100% da uve Sangiovese che sprigiona sentori di frutta rossa e geranio. Proprio quel Brunello inventato a metà del 1800 da Clemente Santi. La cui cantina e tante altre meraviglie della zona ci sono state raccontate qui da Clio Biondi Santi. Una visita è obbligatoria

Parco naturale della Val d’Orcia

Itinerari in Val d'Orcia - Parco naturale

Itinerari in Val d’Orcia – Parco naturale

Se poi la stagione lo permette, largo a passeggiate nel Parco artistico naturale e culturale della Val d’Orcia. Un itinerario fra il rossiccio dei calanchi e il grigio screziato delle trachiti: rocce laviche presenti dall’epoca in cui i due vulcani dell’Amiata e di Radicofani erano ancora attivi. E a proposito di attività vulcanica, qui il sottosuolo è ancora vivace: prova ne sono le stazioni termali di Bagno San Filippo e Bagno Vignoni. Proprio a Bagno Vignoni, intorno alla grande vasca di acqua termale che ricopre la piazza principale, si svolge da luglio 2015 il festival “Un bagno di birra”, con protagonisti birrifici artigianali da tutta la toscana, musica dal vivo, nonché stand di prelibatezze gastronomiche. Una su tutte: la salsiccia di cinta senese

Itinerari in Val d'Orcia - Bagno Vignoni

Itinerari in Val d’Orcia – Bagno Vignoni

È così che si conclude un itinerario fra i tesori della Val d’Orcia. Un calice per brindare. Il sorriso dei compagni di viaggio. E il sole che tramonta sulle colline a perdita d’occhio.

EVENTI IN VAL D’ORCIA

Primavera in Val d’Orcia – Aprile/Maggio 2018

Itinerari a piedi organizzati dal Parco naturale della Val d’Orcia. L’occasione perfetta per respirare i profumi più autentici e scattare foto della Toscana da cartolina.

Orcia Wine Festival – 21/25 aprile 2018

Al Palazzo Chigi di San Quirico si terrà la manifestazione dedicata al vino d’Orcia. Protagonisti di questa mostra mercato sono i grandi vini della zona, provenienti da 18 città d’arte ubicate in questo angolo di Toscana. Un trionfo di sapori e una celebrazione di eccellenza.

Treno Natura e Littorine d’Epoca

Itinerari in tutta la Val d’Orcia e oltre a bordo di treni a vapore e littorine dei tempi che furono. Ogni viaggio è legato ad un evento che vede animarsi queste terre, come la Festa del Barbarossa a San Quirico il 17 giugno e l‘Offerta dei Censi a Abbadia San Salvatore l’8 luglio.

Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano – 12/29 luglio 2018

Opera, teatro, danza, performance di ogni genere: a Montepulciano l’arte va in scena sotto la direzione artistica di Roland Böer in più di 50 appuntamenti. Artisti da tutto il mondo sono chiamati sotto gli stellati cieli della Val d’Orcia a rappresentare i temi universali di questa 43esima edizione: Vita Morte e Meraviglia.

DOVE DORMIRE IN VAL D’ORCIA

Castiglion del Bosco

Loc. Castiglion del Bosco, Montalcino. +39 0577 1913001

Itinerari in Val d'Orcia - Castiglion del Bosco

Itinerari in Val d’Orcia – Castiglion del Bosco

Incastonato all’interno di un antico borgo medievale, questo resort rappresenta il connubio perfetto fra lusso e tradizione. 23 suites, 10 ville private e un orto di prodotti bio dal quale attingere gli ingredienti usati dalla scuola di cucina La Canonica. Come se non bastasse, ecco il fiore all’occhiello della struttura: un campo da golf punteggiato dai cipressi e adatto a giocatori di qualsiasi abilità. Anche se la 19esima buca, denominata Brunello, attende solo i più intrepidi.

DOVE MANGIARE IN VAL D’ORCIA

Enoteca Osteria Osticcio

Via Matteotti, 23 53024 Montalcino. +39 0577 848271

Itinerari in Val d'Orcia - Pecorino

Itinerari in Val d’Orcia – Pecorino

Da Marchese Antinori a Castello Banfi, dalla Fattoria di Felsina alla Tenuta Frescobaldi, senza tralasciare etichette friulane, siciliane, piemontesi, ma anche australiane, californiane, francesi… Sono solo alcuni dei superbi vini che si possono trovare all’Enoteca Osteria Osticcio, accompagnati da specialità culinarie come mezzemaniche con zucca e pecorino di fossa o costoletta di vitello fritta. La vista sulle mura di Montalcino, poi, è il contorno migliore.

Birrificio San Quirico

Via Dante Alighieri 93a, San Quirico D’Orcia. +39 0577 89 81 93

Itinerari in Val d'Orcia - Birrificio San Quirico

Itinerari in Val d’Orcia – Birrificio San Quirico

Un micro birrificio che vuole coniugare alla perfezione arte birraia e metodi di produzione all’avanguardia, grazie anche a una collaborazione con le Università di Siena e Perugia. Una passione che nasce dalla produzione casalinga di birra e sfocia nella voglia di valorizzare al massimo la realtà locale, piante autoctone comprese, per produrre birre di qualità. Giulietta (English Pale Ale) e Iris (Blond Ale) le classiche, affiancate da Catharina, la limited edition aromatizzata al panforte. Non avete già un po’ sete?

COME ARRIVARE IN VAL D’ORCIA

Itinerari in Val d'Orcia

Itinerari in Val d’Orcia

Da Roma: autostrada A1, uscita Chiusi-Chianciano direzione Montepulciano. In alternativa, via Cassia direzione Viterbo e Bolsena.

Da Firenze: superstrada Firenze-Siena direzione Roma per proseguire sulla via Cassia.

Condividi:

Leave a reply