ITINERARI CINEMATOGRAFICI: 15 FILM PER VIAGGI INDIMENTICABILI

8856
0
Condividi:

Sono numerosissimi i film che – pur non avendo come tematica principale il viaggio – offrono spunti per organizzare un’avventura particolare e indimenticabile. Fra ambientazioni mozzafiato e location inaspettate, ecco 15 itinerari cinematografici ispirati ad altrettanti cult movies.

ANGELI E DEMONI

Itinerari cinematografici

Itinerari cinematografici

Angeli e Demoni, thriller del 2009 diretto da Ron Howard, racconta il cammino di Robert Langdon (interpretato da Tom Hanks) nella città di Roma per risolvere un mistero legato all’antica setta degli Illuminati. Arte e storia sono le vere protagoniste del film; quale migliore ambientazione della Città Eterna per svelare un mistero che unisce antico e moderno?

Roma è sicuramente una delle città più affascinanti al mondo. Per una visita particolare, perché non immedesimarsi in Robert Langdon e incamminarsi sull’antico percorso verso la Chiesa dell’Illuminazione? Seguire le orme del professore di Harvard è semplice. Il percorso include il Pantheon con la tomba di Raffaello, la Chiesa di Santa Maria del Popolo che ospita la Cappella Chigi con all’interno il gruppo scultoreo di Abacuc e l’Angelo, e Piazza San Pietro con la sua celebre Basilica, il Colonnato del Bernini e l’Obelisco egizio (sotto al quale è possibile osservare il bassorilievo raffigurante un angelo dalla cui bocca esce il vento di ponente). Si prosegue con la Chiesa di Santa Maria della Vittoria con l’Estasi di Santa Teresa scolpita dal Bernini e la Fontana dei Quattro Fiumi in Piazza Navona, per concludere con Castel Sant’Angelo.

IL MISTERO DEI TEMPLARI – NATIONAL TREASURE

Itinerari cinematografici

Itinerari cinematografici

Nicolas Cage è Benjamin Gates, un cercatore di antichità sulle tracce del Tesoro dei Templari. La vicenda è ambientata prevalentemente a Washington D.C. e Philadelphia. In particolare, nella capitale degli Stati Uniti il protagonista si reca al palazzo degli Archivi Nazionali, dove è conservata la Dichiarazione di Indipendenza Americana, documento unico per importanza custodito in una teca di vetro antiproiettile nella sala Rotunda. Questa sala ospita anche la Costituzione degli Stati Uniti d’America e la Dichiarazione dei Diritti. Ma Washington D.C. ospita molti altri monumenti simbolo della storia americana, tra cui la Casa Bianca, il Washington Monument – l’obelisco di marmo che commemora il primo Presidente americano – il Campidoglio e il Lincoln Memorial, con l’imponente statua di Abramo Lincoln.

A Philadelphia, invece, in Pennsylvania, colpiscono le inquadrature dell’Independence Hall – l’edificio in cui 56 delegati detti Padri Fondatori tra cui Benjamin Franklin ratificarono la Dichiarazione la sera del 4 luglio 1776 – e della Liberty Bell, la famosa campana con la crepa che radunò gli americani per la lettura della Dichiarazione. Per scoprire le origini degli Stati Uniti d’America, quale itinerario migliore di quello di Benjamin Gates?

VICKY CRISTINA BARCELONA

Itinerari cinematografici

Itinerari cinematografici

Vicky Cristina Barcelona è una brillante commedia del 2008 di Woody Allen. Le protagoniste Scarlett Johansson e Rebecca Hall si trovano a Barcellona per le vacanze estive; qui incontrano Javier Bardem, un uomo intrigante che le conquisterà.

Spettacolari le inquadrature della città catalana e delle coloratissime ed eccentriche opere di Gaudí e Miró. Si comincia con la Sagrada Família, la basilica in perenne costruzione, iniziata nel 1882, per passare al Parco Güell, un’area pubblica di circa 18 ettari caratterizzata da colorati elementi architettonici nati dall’estro di Gaudí. Continuano il percorso Casa Milà, un edificio ideato sempre da Gaudí famoso per le linee sinuose, detto la Pedrera per la facciata rivestita di pietra grezza, e La Rambla, il viale più famoso e movimentato della città, lungo quasi 1,5 chilometri.

I protagonisti si recano inoltre a Oviedo e Avilés, bellissime città nelle Asturie, nel nord del Paese. I visitatori restano immediatamente colpiti dal fascino di queste due città e dai dintorni estremamente pittoreschi; proprio come è successo alle protagoniste e a Woody Allen stesso, il quale si è addirittura meritato una scultura in bronzo nel centro storico di Oviedo con una targa riportante le sue parole: ‘Oviedo è come una favola’.

THE TOURIST

Itinerari cinematografici

Itinerari cinematografici

Ambientato prevalentemente a Venezia, The Tourist è un film del 2010 con protagonisti Johnny Depp e Angelina Jolie. Depp è un turista americano in vacanza in Italia che conosce in treno la misteriosa Jolie. Tuttavia l’incontro non è casuale, e Depp si troverà coinvolto in una serie di pericoli, sullo sfondo di una Venezia mozzafiato.

Oltre alle classiche vedute della città lagunare, ossia il Canal Grande e Piazza San Marco, il film mostra luoghi meno comuni ma di fascino indiscutibile. Un esempio è l’Hotel Danieli, un palazzo che fu edificato per la famiglia Dandolo nel XIV secolo. Da quando è stato adibito ad albergo ha avuto illustri ospiti come Proust, Wagner, Goethe, Debussy e Montale. Della città vengono ripresi altri luoghi particolarmente degni di nota, come il Palazzo Pisani Moretta, un edificio in stile gotico veneziano realizzato nel XV secolo dalla Famiglia Bembo; la Chiesa della Madonna dell’Orto; il Palazzo Loredan, sede dell’Istituto veneto di Scienze, lettere ed arti, e il Fondaco dei Turchi, che ospita il Museo Civico di Storia Naturale. Insomma, Venezia è sempre Venezia, e questo film le rende davvero giustizia.

LA MIA AFRICA

Itinerari cinematografici

Itinerari cinematografici

Una delle più belle coppie del cinema, Robert Redford e Meryl Streep, vive la sua storia d’amore in La Mia Africa, film del 1985 diretto da Sydney Pollack. Il film racconta la storia autobiografica della scrittrice danese Karen Blixen (Streep), la quale nel 1914 si reca in Africa per sposare senza amore il barone Blixen. Nel film, la Blixen si trasferisce nel Kenya meridionale, in una fattoria ai piedi delle colline Ngong che si stagliano lungo la Great Rift Valley, a sud-ovest di Nairobi. Durante le ripetute assenze del marito, la donna instaura un profondo legame con il cacciatore Denys Finch Hatton (Redford). E con l’Africa stessa.

Particolarmente suggestive le inquadrature dall’alto, che mostrano le pianure sconfinate e le colline verdeggianti, i corsi dei fiumi e le cascate e, naturalmente, gli animali in libertà. Da non perdere: la riserva faunistica di Masai Mara, nella pianura di Serengeti, il Museo Karen Blixen a Nairobi e la tomba di Denys Finch Hatton, sulle colline Ngong. Chi compie un viaggio in questa terra, come la protagonista, può affermare con sicurezza e nostalgia: ‘Io conosco il canto dell’Africa’.

THE BEACH

Itinerari cinematografici

Itinerari cinematografici

In The Beach (2000) Leonardo DiCaprio interpreta Richard, un giovane turista statunitense che si reca a Bangkok, zaino in spalla, alla ricerca di nuove emozioni ed esperienze. Nell’ostello dove alloggia, Richard conosce Daffy, un personaggio misterioso che gli racconta di un’isola segreta, con una spiaggia letteralmente paradisiaca, e gli lascia una mappa per raggiungerla.

Nel film la spiaggia e l’isola sono praticamente sconosciute e inarrivabili; in realtà si tratta della spettacolare Maya Bay sull’isola disabitata Phi Phi Leh, nell’arcipelago Phi Phi al largo della Thailandia. L’isola, nonostante sia diventata una meta turistica richiestissima in seguito all’uscita del film, non offre sistemazioni di alcun tipo. Qui ci sono solo sabbia bianca, mare cristallino, grotte e scogliere e, per gli amanti delle immersioni, un fondale ricco di vita.

Anche la vicina Phi Phi Don, più grande e attrezzata, merita senz’altro una visita. Magari lasciando ai più temerari l’assaggio di sangue di serpente.

THELMA & LOUISE

Itinerari cinematografici

Itinerari cinematografici

Geena Davis e Susan Sarandon in Thelma & Louise, film del 1991 diretto da Ridley Scott, interpretano due amiche che decidono di recarsi in montagna per il weekend. Ma un incidente di percorso cambierà per sempre le loro vite. Inizia così un viaggio folle, disperato, ricco di colpi di scena, a bordo della mitica Ford Thunderbird verde del 1966.

Partendo dall’Arkansas, uno stato caratterizzato da rilievi montuosi e pianure alluvionali, si prosegue verso l’Oklahoma e le sue distese pianeggianti sconfinate fino a Oklahoma City, la grande città capoluogo dello stato. Si continua verso il New Mexico, il cui territorio si divide in aree desertiche a sud e cime innevate a nord. L’itinerario si conclude in Arizona con lo spettacolare Grand Canyon, una gola creata dal fiume Colorado lunga oltre 440 km e profonda fino a 1800 metri, che offre paesaggi davvero mozzafiato. Questa è sicuramente un’originale idea di viaggio a bordo di una tipica auto americana, vento tra i capelli e la propria amica a fianco che sorride, in cerca di avventure e libertà.

L’ULTIMO SAMURAI

Itinerari cinematografici

Itinerari cinematografici

L’Ultimo Samurai (2003) racconta le vicende del capitano Nathan Algren, interpretato da Tom Cruise. Il film è ambientato in Giappone e corre l’anno 1870. Il capitano Algren viene inviato nel Paese del Sol Levante per addestrare le truppe nipponiche al seguito dell’Imperatore. L’obiettivo: eliminare i samurai presenti sul territorio. Tuttavia, dopo la sua cattura da parte dei ribelli, sarà proprio il capitano Algren ad apprendere l’arte e il codice d’onore dei samurai.

Oltre alle meravigliose panoramiche del territorio giapponese e del Palazzo dell’Imperatore a Tokyo, colpiscono le inquadrature di Kyoto e Himeji, splendide città non molto distanti da Osaka. A 6 km da Himeji, sul monte Shosha, sorge il tempio buddista Engyo-ji. La sua storia è millenaria, ed è il luogo scelto per rappresentare la residenza del samurai Katsumoto.

Sulle orme dei samurai e del loro codice di condotta basato su concetti chiave quali disciplina, onore, fermezza d’animo, coraggio ed equilibrio tra azione e riflessione, un viaggio in questi territori consente non solo di visitare luoghi di indicibile bellezza, ma anche di riscoprire antiche tradizioni.

INDIANA JONES E L’ULTIMA CROCIATA

Indiana Jones e L’Ultima Crociata (1989) è il terzo capitolo della saga firmata Steven Spielberg. Una nuova missione per l’archeologo cinematografico più famoso e affascinante al mondo. Nel 1938 Harrison Ford, di nuovo nei panni di Indiana Jones, è alla ricerca di Sean Connery, suo padre nel film, l’archeologo Henry Jones, rapito poiché molto vicino a localizzare il punto esatto in cui si nasconde il Santo Graal, il calice in cui Gesù avrebbe bevuto durante l’ultima cena. Durante il cammino verso la verità, si fa riferimento ad Alessandretta, città che ospiterebbe il cimelio. In realtà si tratta del meraviglioso sito archeologico di Petra, in Giordania.

Spettacolari le inquadrature del Siq, che costituisce l’unico accesso per raggiungere l’antica città. Il Siq è un pittoresco canyon roccioso profondo 200 metri. Esteso per oltre un chilometro, termina con l’incredibile facciata monumentale scavata nella roccia di El Khasneh, il Tesoro, il monumento principale della città di Petra. Partendo dal percorso di Indiana Jones, la visita a Petra continua con la Strada delle Facciate, il Teatro, le Tombe Reali, la Strada Colonnata e il Monastero Al-Deir, raggiungibile dopo una salita di oltre 800 scalini.

LARA CROFT – TOMB RAIDER

Lara Croft – Tomb Raider è un film del 2001 con protagonista Angelina Jolie in veste di archeologa avventuriera alla ricerca di un prezioso oggetto che consente di controllare il tempo.

La ricerca porta l’eroina in Cambogia, una terra ricca di storia e cultura. Sono due i luoghi che maggiormente colpiscono per lo straordinario fascino: il complesso di Angkor Wat e il tempio Ta Prohm, denominato addirittura ‘tempio di Tomb Raider’ o ‘tempio di Angelina Jolie’ in seguito all’uscita del film.

Angkor Wat, uno spettacolare tempio Khmer all’interno del sito archeologico di Angkor, nei pressi della città di Siem Reap, fu edificato circa mille anni fa ed è circondato sui quattro lati da un grande fossato pieno d’acqua, con attorno la foresta. Le dimensioni sono davvero impressionanti: il perimetro interno, infatti, misura quasi 4 km. Il tempio Ta Prohm, invece, è uno dei più pittoreschi al mondo, poiché è stato invaso dalla giungla. Dopo il declino della civiltà Khmer, il tempio è stato completamente abbandonato e la natura ha preso il sopravvento. Impressionanti i grandi ficus ‘strangolatori’ che letteralmente hanno invaso le rovine del tempio. Insomma, una destinazione imperdibile per chi ama cultura e natura.

THE ROCK

The Rock, film d’azione del 1996 diretto da Michael Bay, racconta di un gruppo di turisti presi in ostaggio nell’ex penitenziario di Alcatraz da ribelli attrezzati con armi batteriologiche. Un chimico (Nicolas Cage) e un ex detenuto (Sean Connery) cercheranno di salvare la situazione.

La città di San Francisco, California, viene immortalata in tutto il suo splendore, con eccezionali riprese sulle sue famosissime colline e sulla baia. Alcatraz, soprannominata ‘The Rock’ poiché costituita in gran parte da roccia, è un’isola distante dalla terraferma circa 2,5 km e in origine ospitava l’omonimo carcere di massima sicurezza; proprio per la sua ubicazione era una prigione quasi inespugnabile. Tra i suoi detenuti vi fu anche il gangster Al Capone.

L’isola ospitò il penitenziario dal 1934 al 1963, quando fu definitivamente chiuso per gli elevati costi di gestione. Oggi è una meta turistica molto richiesta ed è raggiungibile in traghetto. Per i viaggiatori diretti a San Francisco, quindi, Alcatraz è senza dubbio una tappa obbligata. Altre grandi attrazioni sono il Golden Gate Bridge, il Pier 39, Chinatown, le case vittoriane di Alamo Square e Lombard Street, la strada più tortuosa al mondo.

007 – LICENZA DI UCCIDERE

007 – Licenza di Uccidere è il primo capitolo della serie di film di spionaggio con protagonista James Bond, uscito nel 1962 con Sean Connery nei panni dell’agente segreto più famoso al mondo. Bond si reca in Giamaica per risolvere il mistero sulla morte di un membro dei servizi segreti britannici e, affiancato dalla bellissima Ursula Andress, scopre i loschi piani del Dr. No, criminale al servizio della SPECTRE.

Il film è prevalentemente ambientato in Giamaica, isola delle Grandi Antille nel Mar dei Caraibi; la maggior parte delle riprese furono effettuate a Kingston, la capitale, sulla costa sud-orientale dell’isola. Compaiono anche le Dunn’s River Falls, cascate di straordinaria bellezza situate nei pressi di Ocho Rios. Alte oltre 180 metri, sono tra le poche cascate fluviali al mondo che sfociano direttamente nel mare. Raggiungibili dopo una scalata, queste cascate a terrazza regalano uno spettacolo unico: pozze d’acqua naturali circondate dalla rigogliosa foresta tropicale. Il Paese è così affascinante che Ian Fleming acquistò nel 1946 una casa che ribattezzò Goldeneye a Oracabessa, paesino a 20 km da Ocho Rios. Qui diede i natali letterari alla spia inglese. La spiaggia antistante la casa è soprannominata James Bond Beach.

IL SIGNORE DEGLI ANELLI – LA COMPAGNIA DELL’ANELLO

Il Signore degli Anelli – La Compagnia dell’Anello uscì nelle sale cinematografiche nel 2001, primo film della trilogia colossal fantasy diretta dal neozelandese Peter Jackson. Neozelandesi sono anche i luoghi in cui tutto il film è ambientato. Il mondo immaginario della Terra di Mezzo, infatti, è stato ricreato in diverse zona della Nuova Zelanda, tra l’Isola del Nord e l’Isola del Sud.

La Contea, e in particolare Hobbiville, sono state riprodotte fedelmente su un terreno pittoresco nei pressi di Matamata nell’Isola del Nord, a due ore in auto da Auckland.

Qui un cartello con la dicitura ‘Benvenuti a Hobbiville’ attende i visitatori. All’interno troveranno ben 17 smial, classiche casette in stile Hobbit, e la Locanda del Drago Verde. Anche il Monte Fato, luogo dove l’anello deve essere distrutto, esiste davvero. È il Monte Ngauruhoe, un vulcano attivo situato nel Tongariro National Park, un’area di 800 km quadrati nell’Isola del Nord, a metà strada tra Auckland e Wellington. Questi sono solo alcuni dei tantissimi luoghi dove sono state girate scene del film; per gli appassionati della trilogia, quindi, non resta che partire subito per la Nuova Zelanda.

OCEAN’S ELEVEN

Ocean’s Eleven (2001) racconta la storia di un gruppo di truffatori, tra cui George Clooney e Brad Pitt, che decidono di rapinare tre casinò di Las Vegas: il Bellagio, il Mirage e l’MGM Grand. Oltre a scene emozionanti e divertenti, il film offre bellissime vedute sulla città più scintillante e movimentata degli Stati Uniti.

Per gli appassionati del gioco d’azzardo, Las Vegas è il punto d’arrivo; per i viaggiatori, invece, è il punto di partenza per visitare il Nevada. Arrivando in auto o in aereo si nota come il deserto arido e incontaminato improvvisamente lascia spazio a luci, colori e riproduzioni incredibili. Qualche esempio? Lungo la Strip, il grande viale centrale di Las Vegas, si stagliano il Bellagio con il fittizio lago di Como e le fontane danzanti; il Caesars Palace con l’ambientazione di epoca romana; il Luxor con la piramide di vetro e acciaio; l’MGM Grand che ospita la Grand Garden Arena, sede di mega-concerti e incontri di boxe; il New York New York con la Statua della Libertà; il Paris con la Tour Eiffel; e il Mirage, con il vulcano artificiale. Il posto perfetto per tentare la fortuna.

MANHATTAN

Sono tantissimi i film ambientati a New York. Forse, però, quello che rappresenta la città in maniera più poetica è Manhattan, pellicola in bianco e nero del 1979 scritta e diretta da Woody Allen. Allen interpreta un quarantenne che odia il proprio lavoro, sta con una ragazza diciassettenne (Mariel Hemingway) e la sua ex moglie (Meryl Streep) vive con un’altra donna. Tutto cambia quando Allen incontra la fidanzata del suo migliore amico (Diane Keaton).

Oltre ai ‘classici’ di New York come il Ponte di Brooklyn, la Statua della Libertà, l’Empire State Building, il Rockefeller Center, la 5th Avenue, Wall Street e Broadway, un itinerario più particolare include i luoghi in cui Allen ha girato le scene cult del suo capolavoro. Un esempio? Il Museo Guggenheim e il MOMA, un giro in barca nel lago di Central Park e, infine, una sosta sulla panchina in Sutton Square con vista sul ponte di Queensborough e sullo skyline della città. Qui Allen pronunciò la celebre frase ‘Questa è davvero una grande città, non importa cosa dicono gli altri’. In Manhattan Woody Allen dichiara il suo amore per la città, e questo è un sentimento del tutto condivisibile.

Condividi: