GUIDA SEOUL: L’ASIA CHE NON TI ASPETTI

Condividi:

L’Asia che non ti aspetti: guida Seoul, tra design ultra moderno,

cibo fenomenale e il festival delle lanterne di Loto

view seoul korea city guide travel guides magazine asia, guida seoul, the italian eye magazine

Guida Seoul

Non c’è periodo migliore della primavera per visitare Seoul, quando i Coreani si preparano a festeggiare il compleanno di Buddha durante il Festival delle Lanterne di Loto (tra fine Aprile e inizio Maggio). Durante questa festa che si svolge da oltre mille anni, migliaia di lanterne dalla forma simile a quella dei fiori di loto vengono appese per le strade buie della città, per poi essere trasportate in parata fino al tempio Jogyesa, in un oceano di luci e colori da non perdere. Le lanterne rappresentano il desiderio dei fedeli di illuminare la via al Budda del futuro e di trovare la pace attraverso l’illuminazione interiore. Questa ricorrenza è ormai diventata un evento non solo per i fedeli buddisti coreani, ma anche per molti turisti stranieri che decidono, in concomitanza di questo grande evento, di programmare un viaggio per visitare la grande Seoul.

lotus lantern festival seoul korea city guide travel guides magazine asia, guida seoul

Guida Seoul

Trovarsi in questa città (pronunciata “Saul” dai locali) è stimolante e frustrante al tempo stesso. La seconda area metropolitana più grande del mondo è un continuo fermento di innovazioni e nuove costruzioni: come il Dongdaemun Design Plaza, inaugurato nel marzo 2014, che con la sua struttura curva e allungata è sicuramente il più iconico degli edifici che rappresentano l’industria del design coreano. Tante nuove costruzioni portano però anche un grande traffico. Aspettatevi code infinite se viaggiate in macchina o in taxi: ma non pensate di socializzare col tassista in quanto l’inglese è ancora poco parlato (ricordate di farvi scrivere dal concierge dell’albergo l’indirizzo in coreano di dove state andando, altrimenti rischierete di girare per ore visto che quasi tutte le indicazioni sono in coreano).

Potrete però studiare le usanze locali: sapevate che in Corea, durante la luna di miele, lo sposo e la sposa devono vestirsi allo stesso modo? All’aeroporto di Incheon, quindi, non meravigliatevi se vedete persone con outfits coordinati in partenza per le Filippine, destinazione marittima preferita dai Coreani. Seoul conserva gelosamente anche quelli che sono i simboli della sua tradizione: i palazzi reali, i templi e i musei che testimoniano la ricchezza storica di questo paese, dall’epoca dei Tre Regni, I secolo a.C., fino alla guerra con la Corea del Nord nel 1950. Dunque tra storia e modernità le cose da vedere non mancano di certo. 

I Coreani si considerano “gli Italiani dell’Asia”, non solo per il fatto che Italia e Corea si trovino quasi sullo stesso parallelo, ma anche per la loro simpatia e per la cucina gloriosa. Vantano infatti una cucina tradizionale rinomata in tutto il mondo: esempi sono il famoso kimchi, verdure fermentate nelle spezie, e il buonissimo bulgogi, manzo marinato con cipolle e aglio, cotto sul grill e avvolto in una foglia.

Noi di The Italian Eye l’abbiamo scelta e testata su campo come meta per la primavera, e non siamo stati gli unici: Karl Lagerfeld ha appena fatto sfilare la Cruise Collection 2015/2016 di Chanel proprio a Seoul. 

lotus lantern festival seoul korea city guide travel guides magazine asia, guida seoul

Guida Seoul

Pages: 1 | 2 | 3 | 4 |... 5 ... | Single Page

Condividi: