GUIDA SEOUL: L’ASIA CHE NON TI ASPETTI

Condividi:

L’Asia che non ti aspetti: guida Seoul, tra design ultra moderno,

cibo fenomenale e il festival delle lanterne di Loto

view seoul korea city guide travel guides magazine asia, guida seoul, the italian eye magazine

Guida Seoul

Non c’è periodo migliore della primavera per visitare Seoul, quando i Coreani si preparano a festeggiare il compleanno di Buddha durante il Festival delle Lanterne di Loto (tra fine Aprile e inizio Maggio). Durante questa festa che si svolge da oltre mille anni, migliaia di lanterne dalla forma simile a quella dei fiori di loto vengono appese per le strade buie della città, per poi essere trasportate in parata fino al tempio Jogyesa, in un oceano di luci e colori da non perdere. Le lanterne rappresentano il desiderio dei fedeli di illuminare la via al Budda del futuro e di trovare la pace attraverso l’illuminazione interiore. Questa ricorrenza è ormai diventata un evento non solo per i fedeli buddisti coreani, ma anche per molti turisti stranieri che decidono, in concomitanza di questo grande evento, di programmare un viaggio per visitare la grande Seoul.

lotus lantern festival seoul korea city guide travel guides magazine asia, guida seoul

Guida Seoul

Trovarsi in questa città (pronunciata “Saul” dai locali) è stimolante e frustrante al tempo stesso. La seconda area metropolitana più grande del mondo è un continuo fermento di innovazioni e nuove costruzioni: come il Dongdaemun Design Plaza, inaugurato nel marzo 2014, che con la sua struttura curva e allungata è sicuramente il più iconico degli edifici che rappresentano l’industria del design coreano. Tante nuove costruzioni portano però anche un grande traffico. Aspettatevi code infinite se viaggiate in macchina o in taxi: ma non pensate di socializzare col tassista in quanto l’inglese è ancora poco parlato (ricordate di farvi scrivere dal concierge dell’albergo l’indirizzo in coreano di dove state andando, altrimenti rischierete di girare per ore visto che quasi tutte le indicazioni sono in coreano).

Potrete però studiare le usanze locali: sapevate che in Corea, durante la luna di miele, lo sposo e la sposa devono vestirsi allo stesso modo? All’aeroporto di Incheon, quindi, non meravigliatevi se vedete persone con outfits coordinati in partenza per le Filippine, destinazione marittima preferita dai Coreani. Seoul conserva gelosamente anche quelli che sono i simboli della sua tradizione: i palazzi reali, i templi e i musei che testimoniano la ricchezza storica di questo paese, dall’epoca dei Tre Regni, I secolo a.C., fino alla guerra con la Corea del Nord nel 1950. Dunque tra storia e modernità le cose da vedere non mancano di certo. 

I Coreani si considerano “gli Italiani dell’Asia”, non solo per il fatto che Italia e Corea si trovino quasi sullo stesso parallelo, ma anche per la loro simpatia e per la cucina gloriosa. Vantano infatti una cucina tradizionale rinomata in tutto il mondo: esempi sono il famoso kimchi, verdure fermentate nelle spezie, e il buonissimo bulgogi, manzo marinato con cipolle e aglio, cotto sul grill e avvolto in una foglia.

Noi di The Italian Eye l’abbiamo scelta e testata su campo come meta per la primavera, e non siamo stati gli unici: Karl Lagerfeld ha appena fatto sfilare la Cruise Collection 2015/2016 di Chanel proprio a Seoul. 

lotus lantern festival seoul korea city guide travel guides magazine asia, guida seoul

Guida Seoul

COSA VEDERE

dongdaemun design plaza seoul korea city guide travel guides magazine asia, guida seoul, the italian eye magazine

Guida Seoul

Dongdaemun Design Plaza

Progettato dal famoso architetto anglo-iracheno Zaha Hadid e dallo studio coreano Samoo, inaugurato nel marzo dell’anno scorso, con la sua struttura curva e allungata, è sicuramente il più iconico degli edifici che rappresentano l’industria del design contemporaneo della Corea. Dentro vengono svolte mostre, seminari, spettacoli. Nel 2015 Karl Lagerfeld lo ha scelto come location per la sfilata Crociera di Chanel (guarda gli outfits).

korea furniture museum seoul, guida seoul, the italian eye magazine

Guida Seoul

Korea Furniture Museum

Indirizzo da non perdere assolutamente! Un museo esclusivo e bellissimo: 6600 mq di mobilia risalente alla Dinastia Joseon. Si visita solo su appuntamento e dentro c’è anche un ristorante francese, aperto solo a cena e per gruppi superiori a 20 persone. Da veri intenditori.

coex mall seoul bongeunsa temple, guida seoul, the italian eye magazine

Vista sul COEX dal Tempio di Bongeunsa

COEX

Il Mall sotterraneo più grande del mondo con centinaia di negozi, due food courts, un acquario, il Kimchi Field Museum (museo dedicato al piatto più famoso della corea, il kimchi), cinema e numerose sale espositive.

dragon hill spa seoul korea, guida seoul, the italian eye magazine

Una piscina all’aperto della Dragon Hill Spa

Dragon Hill Spa

Una spa di 7 piani aperta 24/24 dove offrono tutti i trattamenti possibili e inimmaginabili della tradizione coreana. Saune, bagni, piscine, stanze dell’energia e della meditazione, più un cinema e un ristorante coreano. Volendo ci si può passare la giornata!

flowering cherry seoul korea city guide travel guides magazine asia, guida seoul

Un ciliegio in fiore nelle deliziose strade di Bukchon Traditional Village

Bukchon Traditional Village

Un villaggio tradizionale coreano vicino al palazzo Gyengbokgung. Durante la dinastia Joseon era il quartiere residenziale per la nobiltà e gli ufficiali di alto rango; adesso è stato preservato per mostrare l’ambiente urbano di 600 anni fa formato da deliziose viette e hanok (case tradizionali coreane).

n tower seoul korea city guide travel guides magazine asia, guida seoul

La torre N Seoul Tower svetta sulla città

N Seoul Tower

Chiamata anche Namsan Tower, questa torre, con i suoi 236 mt, è il punto più alto di Seoul. Costruita nel 1971 è oggi un centro di comunicazione e di osservazione.

seoul korea city guide travel guides magazine asia, guida seoul, the italian eye magazine

Le strade illuminate nel quartiere di Insa-dong

Insa-dong

Caratteristico quartiere formato da piccole vie con gallerie e tea shops; un tempo vi si svolgeva il più grosso mercato di antiquariato e di arte della Corea.

Gyeongbokgung Seoul The Italian Eye Magazine

La sala del trono al Gyeongbokgung Palace

Gyeongbokgung Palace

Il palazzo reale più importante della dinastia Joseon (leggi la nostra visita al Palazzo).

DOVE DORMIRE

exe grand deluxe hotel seoul korea city guide travel guides magazine asia, guida seoul, the italian eye magazine

La camera deluxe dello Shilla Hotel

The Shilla

(202, Jangchungdong 2(i)-ga, Jung-gu, Seoul)

Lussuoso ed elegante, a detta di molti è l’hotel più bello di tutta Seoul. Ha riaperto le sue porte nel 2013 dopo una ristrutturazione di sette mesi che lo ha reso a prova dei clienti più esigenti. Si trova in ottima posizione, a poche fermate di metro dalla maggior parte delle attrazioni del “centro storico” (se si può considerare “centro storico” la zona dove risiedono la maggior parte dei Palazzi Reali). Ha anche una piscina all’aperto e una bellissima spa con trattamenti esclusivi Guerlain. Doppia deluxe da 200€ a notte.

ip boutique hotel seoul, guida seoul, the italian eye magazine

Il bar dell’IP Boutique Hotel

IP Boutique Hotel

(221, Itaewon-ro, Yongsan-gu, Seoul)

Aperto nel 2010, è stato il primo boutique hotel della Corea. L’ambiente ultra-glam di design, la posizione nel quartiere modaiolo di Itaewon ed i prezzi contenuti (per essere a Seoul) lo rendono la nostra Best Choice. Doppia da 200€ a notte.

banyan tree seoul club spa, guida seoul, the italian eye magazine

La piscina all’aperto del Banyan Tree Club & SPA

Banyan Tree Club and Spa

(60, JangChungdan-Ro, Jung-Gu, Seoul)

Primo urban resort della nota catena alberghiera Banyan Tree, è un club privato dotato di camere lussuosissime, alcune con piscina all’interno della camera e viste mozzafiato sul Monte Namsan e la sua foresta. Ottima posizione e spa con personale proveniente dalla migliore scuola di Bali. Prezzi su richiesta.

DOVE MANGIARE

bover-lounge-seoul

Il posto più cool del momento, Bover Lounge

Bover Lounge

(State Tower Namsan building, Myeongdong Station, Seoul)

Attualmente il posto più trendy per fare brunch durante il weekend, quindi la prenotazione è obbligatoria. Il menu è quello classico americano ma rivisitato con un tocco di cucina francese. Il posto dove vedere e farsi vedere.

Second Kitchen

(263-2 Hannam-Dong, Yongsan-Gu, Seoul)

Ambiente giovane e di design, perfetto per brunch, serate informali o semplicemente un’insalata mentre visitate la città.

Elbon The Table

(530-5 Sinsa-dong, Gangnam-gu, Seoul)

Assolutamente un must e sicuramente la nostra Best Choice come ristorante a Seoul. La cucina è italiana rivisitata con ingredienti coreani. Sembra impossibile ma basta provare il porridge di riso alla bottarga o il foie gras servito con un gelato fatto con le spezie del kimchi. Lo chef, Hyun Seok Choi, è conosciuto come “lo chef pazzo” per la sua cucina unica ed innovativa.

Two Plus

(Garosu-gil, Nonhyeon oppure Gangnam-gu, Seoul)

Andateci per l’hanwoo spettacolare, l’equivalente coreano del wagyu giapponese, e per la buffa regola che ci si può portare il vino da fuori. Ha tre ristoranti in diversi quartieri della città ma per il menu dello Chef bisogna andare a Garosu-gil.

DOVE MANGIARE DOLCI

peony bakery seoul korea city guide travel guides magazine asia, guida seoul

Il Peony, famoso per i suoi dolci deliziosi

Peony

(403-3, Seogyo-dong, Mapo-gu)

Caffé molto frequentato che produce dolci in stile coreano con ingredienti freschi. Assolutamente da provare la torta alle ciliegie, da leccarsi i baffi!

 

BARS & CLUBS

bar w hotel nightlife seoul korea city guide travel guides magazine asia, guida seoul

Guida Seoul

Glam (2F Hamilton Hotel Annex, 116-1 Itaewon-dong, Seoul)

Uno dei migliori hotspot della vita notturna di Seoul: è il posto ideale per un drink con house music di sottofondo. Come locale, è quello che assomiglia di più a una disco-lounge occidentale.

Octagon (645 Nonhyeon-ro, Gangnam-gu, Seoul)

Sicuramente il migliore club di tutta la Corea del Sud se ci si vuole scatenare per una sera. Si balla a ritmo di electronic dance music e c’è anche la possibilità di mangiare nel ristorante interno.

Craft One (35, Yeonhui-ro, Mapo-gu, Seoul)

Ambiente molto low key e rilassato: perfetto per una buona birra con gli amici.

B1 Lounge Club (119-7 Itaewon-dong, Yonsan-gu, Seoul)

Il club preferito dai Coreani per uscire. Ideale per chi vuole immergersi completamente nell’atmosfera locale.

Woo Bar al W Hotel (177 Walkerhill-ro, Gwangjin-Gu)

Minimalista e trendy, all’ultimo piano del W Hotel di Seoul, con viste notturne mozzafiato. Il bar ha un bancone lungo 18 mt, il più lungo della Corea, e offre una varietà infinita di alcolici: da 40 tipi di vodka differenti, a una carta con 200 etichette di vini.

Condividi: