GUIDA DI PARIGI DI FRANÇOIS DU CHASTEL

Condividi:

La Ville Lumière propone sempre nuovi indirizzi trendy e alla moda. Ecco la guida di Parigi con tutti gli indirizzi da non perdere, curata da François du Chastel: giovane imprenditore creatore del marchio di slippers Chatelles (www.mychatelles.com). 

COSA VISITARE

St Germain des Prés (Paris VI-VII)

guida di parigi

Guida di Parigi: Café de Flore su boulevard St-Germain ©sanfamedia.com

Il VI ed il VII arrondissement sono sicuramente i più chic di tutta Parigi: lunghi viali alberati, caffè ricchi di storia, chiese nascoste e piazzette silenziose. L’aria che si respira è la stessa che respiravano Simone de Beauvoir e Jean Paul Sartre negli anni ’40 e ’50, con la sola eccezione dei nuovi negozi di tendenza ed i locali alla moda. Passeggiate lungo il boulevard e fermatevi alla chiesa omonima, perdetevi nelle vie più defilate che nascondono sempre scorci incantevoli. Per un caffè, il Café de Flore e Les Deux Magots sono gli indirizzi storici del quartiere, come pure la Brasserie Lipp a pranzo o cena.

Musée Picasso-Paris (5 rue de Thorigny 75003 Parigi; +33 1 85 56 00 36)

Guida di Parigi

Guida di Parigi: Musée Picasso-Paris

Bozzetti, studi, disegni, dipinti, sculture, fotografie. La vita e le opere di Picasso. All’interno dell’Hôtel Salé, uno dei più begli hôtel particulier di fine ‘600, la collezione comprende più di 5000 opere e trasporta il visitatore attraverso un viaggio unico e personale nella produzione di Picasso. La ristrutturazione, durata cinque anni, ha aumentato lo spazio espositivo e ha permesso di mettere in mostra opere mai esposte fino al 2014. 

Fondation Louis Vuitton (8 Avenue du Mahatma Gandhi 75116 Paris; + 33 1 40 69 96 00)

Guida di Parigi

Guida di Parigi: Fondation Louis Vuitton

Nata dalla volontà di donare ai parigini uno spazio espositivo straordinario per l’arte e la cultura, la Fondation Vuitton è stata inaugurata nel 2014 dopo otto anni di lavori. L’architetto, Frank Gehry ha voluto riproporre in chiave moderna le vetrate del Grand Palais e del Palmarium, situato all’interno dell’adiacente Jardin d’Acclimatation, e ha fatto costruire dodici vele di vetro per un totale di 13500 mq di vetrate. 

Le Marais (Paris III – IV)

Guida di Parigi

Guida di Parigi: Place des Vosges nel Marais

Le Marais era il quartiere preferito dall’aristocrazia francese (qua si trovano i più begli hôtel particulier, le dimore aristocratiche parigine, di tutta la città) fino al XVII secolo, periodo in cui la nobiltà incominciò a spostarsi verso il Faubourg St-Germain, dopodiché diventò il quartiere degli ebrei di Parigi che vi costruirono una sinagoga (10 rue Pavée). Dagli anni ’80 è diventato un’importante centro per la cultura LGBT ed oggi è famoso per l’atmosfera hip, le gallerie d’arte, i ristoranti alla moda e i negozi di tendenza. Da non perdere la Place des Vosges, rue du Temple, il Musée Carnavalet e l’Hôtel de Beauvais.

Île Saint Louis (Paris IV)

Guida di Parigi

Guida di Parigi: Ile St-Louis

Alcuni pensano sia il gioiello di Parigi con le sue vie silenziose, poco battute dal turismo di massa, i mercatini, le fromageries e le boulangeries: una piccola oasi rimasta intatta dal 1800. Al 31 rue St-Louis en l’Ile si può assaggiare l’autentico gelato Berthillon diventato famoso grazie al gusto di cioccolato nero e mango.

Rue Cambon (Paris I)

Guida di Parigi

Guida di Parigi: rue Cambon

Coco Chanel viveva al Ritz ma veniva a lavorare al nr. 31 di questa strada diventata ormai un’icona per tutti gli appassionati di moda. Il palazzo è costituito da quattro piani: la boutique Chanel al piano terra, i camerini dell’haute couture al secondo, l’appartamento privato di Coco Chanel al terzo ed il suo laboratorio creativo all’ultimo piano.

Rue du Faubourg Saint-Honoré (Paris VIII)

Guida di Parigi

Guida di Parigi: Il quartier generale di Hermés

La Mecca dell’Haute Couture francese. Passeggiando tra le vetrine del Faubourg si fa una full immersion nelle ultime tendenze parigine. E per chi avesse bisogno di rifarsi il guardaroba, questo è l’indirizzo perfetto. 

Musée Marmottan Monet (2 Rue Louis Boilly 75016 Paris; +33 1 44 96 50 33)

Guida di Parigi

Guida di Parigi: Musée Marmottan Monet

Aperto al pubblico dal 1934, si tratta di una delle più grandi collezioni di pittori impressionisti e post-impressionisti al mondo: Monet, Degas, Renoir, Morisot, Manet, Sisley, Pissarro, Gauguin, Signac per un totale di oltre trecento opere. Una grande collezione di arti applicate d’epoca impero completa la visita. La grande attrattiva del museo è l’opera ‘Impressione’ di Monet che diede il nome al movimento Impressionista. Leggi la nostra intervista esclusiva alla direttrice del Museo.

DOVE DORMIRE 

Hotel Amour ( 8 Rue de Navarin, 9 Arr.; +33 1 48 78 31 80)

Hotel Amour

Guida di Parigi: Hotel Amour

Uno degli indirizzi più alla moda di Parigi, non solo per l’hotel ma anche per il ristorante e il bar. Poche camere (20), arredi tra il design ed il retrò, e un bistrot sempre affollato che propone cucina francese. L’hotel Amour riprende nel nome gli antichi usi del quartiere di Pigalle (dove si trova), ex zona di prostituzione. All’interno dell’hotel si trovano molte fotografie erotiche di grandi artisti (Terry Richardson, Pierre Le-Tan, Alexandre de Betak) che esaltano questo passato della zona. Sarà una bellissima scoperta e alloggerete in un luogo super alla moda di Parigi. Camere da 155 euro a notte.

Hotel Amour

Guida di Parigi: Hotel Amour

Hotel Montmartre Mon Amour (7 Rue Paul Albert, 18 Arr.; +33 1 46 06 03 03)

Hotel Montmartre Mon Amour

Guida di Parigi: Hotel Montmartre Mon Amour

Questo piccolo hotel con 24 camere si trova nel cuore del quartiere artistico per antonomasia di Parigi, Montmartre. L’hotel, infatti, dista poche decine di metri dalla chiesa del Sacre Coeur che domina la città dall’alto della collina su cui è costruita. Il Montmartre Mon Amour è all’interno di una delle tipiche vecchie palazzine bianche del quartiere ma ha un arredo contemporaneo di design. Completa il tutto un’ottima colazione a buffet, un bar aperto tutto il giorno dove poter gustare qualche snack e wi-fi gratuito. Camere a partire da 80 euro a notte.

Hotel Montalembert (3 Rue Montalembert, 7 Arr.; +33 1 45 49 68 68)

Hotel Montalembert

Guida di Parigi: Hotel Montalembert

Dietro la centralissima ed elegantissima Rue du Bac, a pochi minuti a piedi dal Museo d’Orsay, si trova il Montalembert, boutique hotel recentemente rinnovato che tuttavia non ha perso il sapore della sua tradizione quasi centenaria. Arredi moderni si sposano bene con l’atmosfera elegante e senza tempo degli ambienti. Le camere sono spaziose e dotate di wi-fi gratuito. Un ristorante ed un roof-bar sono poi a disposizione degli ospiti. Camere a partire da 210 euro a notte.

Terrass Hotel (12-14 Rue Joseph de Maistre, 18 Arr.; +33 1 46 06 72 85)

Terrasse Hotel

Guida di Parigi: Terrasse Hotel

Dal Terrasse Hotel si gode probabilmente di una delle viste più belle di tutta Parigi. Infatti, dal bar all’ultimo piano, la vista, attraverso le grandi vetrate, spazia su tutta la città e sui suoi caratteristici tetti e comignoli. L’hotel è all’interno di una bel palazzo fin de siècle e ha un arredamento moderno e confortevole. 92 le camere, ognuna con wi-fi e servizio concierge 24h su 24. Camere a partire da 190 euro a notte.

Hotel Meurice (228 rue de Rivoli, 1 Arr.; +33 1 44 58 10 10)

Hotel Meurice

Guida di Parigi: Hotel Meurice

Non ha bisogno di presentazioni Le Meurice, uno degli hotel più iconici di tutta Parigi. Situato dirimpetto al Museo del Louvre, in una delle vie più eleganti della città, Le Meurice domina la scena alberghiera Parigina dal 1815. Recentemente rinnovato nella sua interezza dalla catena Dorchester, l’hotel ha preservato il suo stile settecentesco e la sua lussuosa mobilia. Al suo interno, inoltre, uno dei ristoranti del celebre chef Alain Ducasse (2 stelle Michelin) oltre ad un bellissimo bar dove l’appuntamento del thé delle 5 diventa un rito immancabile. Centro spa e fitness completano il tutto. Camere a partire da 700 euro a notte.

Hotel Récamier (3 Place de Saint Sulpice, 6 Arr.; +33 1 43 26 04 89)

Hotel Récamier

Guida di Parigi: Hotel Récamier

Il Récamier è un piccolo hotel di 24 camere situato in quella che è stata più volte definita la piazza più bella di Parigi, Place de Saint Sulpice. Ricavato nell’antica dimora cittadina di una famiglia borghese, l’hotel ha conservato un appeal più da casa privata che da struttura alberghiera e ciò gli dona un carattere attraente. Nonostante le piccole dimensioni, i servizi sono quelli di un grande hotel, con prima colazione, wi-fi, filodiffusione nelle camere e concierge 24h su 24. Ogni pomeriggio dalle 16.00 alle 18.00 è offerto il the agli ospiti nella hall. Posizione, stile e servizio da 10 e lode. Camere da 190 euro a notte.

A la Villa Madame (44 Rue Madame, 6 Arr.; +33 1 45 48 02 81)

A la Villa Madame

Guida di Parigi: A la Villa Madame

Villa Madame è una piccola struttura (28 camere) nel cuore di Saint-Germain-des-Prés. Perfetto per chi ha problemi di sonno debole dato che tutte le camere sono insonorizzate. L’hotel offre una prima colazione a buffet, un salone dove potersi riposare leggendo quotidiani di varie nazioni messi a disposizione dall’albergo, o sorseggiare qualcosa durante la giornata. Servizio di portineria 24h su 24 e una biblioteca attrezzata con giochi da tavolo e carte di ogni genere. Camere da 150 euro a notte.

Le Bristol Paris (112 Rue du Faubourg Saint-Honoré, 1 Arr.; +33 1 53 43 43 00)

Le Bristol Paris

Guida di Parigi: Le Bristol Paris

Le Bristol è un cinque stelle che è sempre una garanzia. Aperto nel lontano 1925, l’hotel rappresenta il lusso francese al massimo livello. Tre ristoranti un bar all day dining, una piscina coperta e la bellissima spa fanno de Le Bristol uno degli indirizzi più preziosi di Parigi. Camere da 750 euro a notte.

DOVE MANGIARE

Derrière (69 Rue des Gravilliers, 3 Arr.; +33 1 44 61 91 95)

Derrière

Guida di Parigi: Derrière

L’idea alla base di questo ristorante era quella di ricreare una casa dove ricevere amici. Così si può mangiare nel salone, nel bodoir o nella camera da letto. Tutte le sale sono però accomunate da uno stile stravagante e folle. Fino all’armadio dal quale si sbuca nella stanza del biliardo. Il menù è molto vario, dalla pasta, alle terrine di fois gras, fino alle bistecche. C’è però una piccola selezione anche per vegetariani. Il cibo è buono ma l’ambiente regna.

Caviar Kaspia (17 Place de la Madeleine, I Arr.; +33 1 42 65 33 32)

Caviar Kaspia

Guida di Parigi: Caviar Kaspia

Fondato nel 1927 da un esule russo, è a questo ristorante che si deve l’introduzione della cultura del caviale nella gastronomia francese. Al Caviar Kaspia si può comprare (nella bottega a pian terreno) o gustare (nel ristorante al primo piano) il miglior caviale di Parigi, salmone di primissima qualità e ottima vodka russa. Oltre che locale per gourmet è anche un ristorante molto alla moda, perciò prenotare con largo anticipo è d’obbligo.

Hotel du Nord (102 Quai de Jemmapes, 11 Arr; +33 1 40 40 78 78)

Hotel du Nord

Guida di Parigi: Hotel du Nord

Location e titolo di uno dei più celebri film di Marcel Carné, l’Hotel du Nord è monumento nazionale. Un tempo ritrovo di gente di malaffare del quartiere del Canal St. Martin e alloggio per emigrati e marinai, l’Hotel du Nord era negli anni ’70 destinato a demolizione certa. È stato poi salvato da una petizione pubblica perché importantissima pietra miliare della cinematografia francese e oggi non fa più servizio di hotel ma continua la sua tradizione con il ristorante a pian terreno. La cucina è quella tipica francese da bistrot e l’ambiente non è cambiato molto da quanto balordi e prostitute sedevano al suo antico bancone (sempre lo stesso). Sapore di una Parigi ormai scomparsa al cento per cento.

Minipalais (3 avenue Winston Churchill, 8 Arr.; +33 1 42 56 42 42)

Minipalais

Guida di Parigi: Minipalais

Ristorante gestito dal pluri-stellato chef Eric Frechon (chef anche del risorante dell’hotel Bristol) e dal suo giovane aiutante Stéphane d’Aboville, grande promessa della cucina francese. Il menù cambia ogni settimana in base alla stagionalità dei prodotti. Cucina francese, neanche a dirlo, ottima. Oltre al ristorante, il Minipalais ha anche un bar che è uno dei più trendy di tutta Parigi. Dietro al bancone Alexandre Chialva, rinomato barman vincitore di svariati premi. Dulcis in fundo l’ambiente, situato dentro il Grand Palais e con un ampio spazio esterno sulla terrazza dell’edificio fa da degna cornice a tanta grandezza culinaria.

Georges (Centre Pompidou, Palais Beaubourg, Place Georges Pompidou, 2 Arr.)

Georges, Centre Pompidou

Guida di Parigi: Georges, Centre Pompidou

All’ultimo piano del centre Pompidou, con terrazza e splendida vista sui tetti di Parigi, c’è il Georges. Questo ristorante (ideale per pranzo o brunch quando si può godere a pieno della vista) propone piatti tradizionali della cucina francese rivisitati. Per una pausa gourmet mentre si visita il museo. Cibo buono e location fantastica.

Le Mama Shelter (109 Rue del Bagnolet, 20 Arr.; +33 1 43 48 48 48)

Le Mama Shelter

Guida di Parigi: Le Mama Shelter

Locale molto alla moda con cucina internazionale. Ambiente giovane e colorato, ideale per una cena con amici. C’è anche un biliardino dove fare una partita tra una portata e l’altra. Il livello del cibo è buono ma è l’ambiente allegro e giovane il motivo per cui andare.

Ralph’s (137 Boulevard Saint Germain, 6 Arr.; +33 1 44 77 76 00)

Ralph's

Guida di Parigi: Ralph’s

Ralph’s è il bar-ristorante della boutique di Ralph Lauren a Saint-Germain-des-Pres. Perfetto sia per un pranzo che per un caffè o un the nel pomeriggio. Si può stare dentro, negli ambienti decorati con finitura in pelle tipiche dello stile Ralph Lauren oppure nel bellissimo cortile interno pieno di verde. Ottimo cibo, servizio cortese e stile Ralph Lauren in tutto e per tutto.

Fraiche Paris (Rue Vicq d’Azir, 10 Arr.; +33 1 40 37 54 23)

 Fraiche Paris

Guida di Parigi: Fraiche Paris

Tiffany Depardieu e Michael Boivin propongono da Fraiche una cucina fresca e di stagione. Il menù cambia con le stagioni a seconda delle disponibilità del mercato. Il design interno è molto semplice ma elegante e trasmette l’idea di naturale ed organico che il locale proprio stendardo. Aperto tutto il giorno anche come cafè.

BAR E NIGHTLIFE

Le Montana – Restaurant Le Gauche Caviar (Rue Saint-Benoit, 6 Arr.; +33 1 53 63 79 20)

Le Gauche Caviar, Le Montana

Guida di Parigi: Le Gauche Caviar, Le Montana

All’interno del rinnovato Hotel Le Montana, a Saint-Germain-des-Pres, si trovano il ristorante Le Gauche Caviar e il Club Le Montana, due degli indirizzi più cool in città. Piatti prevalentemente a base di caviale per il ristorante e clientela modaiola per il locale. Mangiare senza prenotare o entrare senza conoscere: missione impossibile.

Castel (15 Rue Princesse, 6 Arr.; +33 1 40 51 52 80)

Castel

Guida di Parigi: Castel

Mitico club privato con ristorante e discoteca situato nel quartiere di Saint-Germain-des-Prés, riconoscibile per il colore rosso delle pareti esterne. Situato in una tipica casa parigina su tre piani, Castel è in assoluto il più inaccessibile indirizzo di Parigi, infatti l’ingresso è riservato solo ai membri e ai loro ospiti. Tutta la bonne societè parigina, e possiamo dire mondiale, è passata da Castel, rendendolo un luogo iconico. E tutt’oggi il locale continua a difendere la propria esclusività.

Raspoutine (58 Rue de Bassano; +33 1 47 20 02 90)

Raspoutine

Guida di Parigi: Raspoutine

Uno dei locali storici della notte parigina. Questa piccola discoteca si trova dietro gli Champs Elisée e vanta una clientela di tutto rispetto. Gli interni, con velluti rossi e particolari dorati richiamano lo stile della Russia zarista e di uno dei personaggi più conosciuti ed enigmatici del periodo, Grigori Raspoutine. Il face control è severissimo e l’ingresso è ‘one shot’. Se non vi fanno entrare al primo colpo cambiate locale perché attendere fuori sperando nella clemenza del buttafuori non servirà a nulla.

Hotel Costes (239-241 Rue Saint Honoré, 1 Arr.; +33 1 42 44 50 00)

Hotel Costes

Guida di Parigi: Hotel Costes

Questo hotel ha un bar molto gettonato da modaioli e bon viveur. Il design è molto ricco, ai limiti del pacchiano, ma, per usare un inglesismo, estremamente cozy con luce soffusa e atmosfera intima. Ottimi i cocktail e il sottofondo musicale per cui l’Hotel Costes è divenuto famoso in tutto il mondo (è possibile comprare il Cd della stagione presso l’hotel). Ideale per un drink durante un appuntamento di coppia.

Le Perchoir (36 Rue de la Verrerie, 3 Arr.; +33 9 77 40 14 00)

Le Perchoir

Guida di Parigi: Le Perchoir

Le Perchoir, sul tetto dell’hotel BHV Marais, è certamente più adatto nella bella stagione che in inverno. È uno dei rooftop-bar più amati dai parigini che vengono qua sia per un drink alla sera che per il brunch del sabato o della domenica. L’ambiente, come il quartiere in cui si trova, è molto giovane e di tendenza e i cocktail sono per di più buoni. La vista poi, in zona, non ha eguali.

Bar8 at Mandarin Oriental Hotel (251 Rue Saint-Honoré, 1 Arr.; +33 1 70 98 78 88)

Bar8 at Mandarin Oriental

Guida di Parigi: Bar8 at Mandarin Oriental

Per un cocktail in un ambiente elegante e più formale andate al Bar8, all’interno del Mandarin Oriental Hotel. La decorazione è molto lussuosa e l’atmosfera tranquilla, con luce soffusa e rumore al punto giusto. È ideale se si deve fare un incontro d’affari. I cocktail sono ottimi e la lista degli spiriti molto ampia.

Le Pompon (39 Rue des Petites Ècuries, 10 Arr.)

Le Pompon

Guida di Parigi: Le Pompon

Locale un po’ hipster, sempre molto affollato, in un quartiere un po’ defilato dietro Les Folies Bergere. Al piano terreno c’è il bar mentre scendendo delle ripide scalette si entra in una discoteca vera e propria con pista e tavoli. Il locale ha anche una cucina che propone piatti della tradizione italiana ma al Pompon si vinee soprattutto per passare la serata tra birre e drink.

CAFÉS

Rose Bakery (46 Rue des Martyrs, 75009 Parigi; +33 1 42 82 12 80)

Guida di Parigi

Guida di Parigi: Rose Bakery © Phaidon

Questa piccola boulangerie si è creata una fama grazie ai suoi deliziosi dolci fatti in casa ed ai piatti per un lunch veloce: risotti, zuppe, insalate personalizzabili e pizzette. Perfetto anche per un thé pomeridiano accompagnato da una torta di carote o, per i più goduriosi, da una fetta di torta al cioccolato e castagne. Ottimo anche per il brunch domenicale con uova strapazzate e salmone affumicato rigorosamente biologico. Rose Bakery si trova anche nel III, VII e XII arrondissement.

Le Pavillon de la Reine (28 Place des Vosges, 75004 Parigi; +33 1 40 29 19 19)

Guida di Parigi

Guida di Parigi: Le Pavillon de la Reine

Il “padiglione della regina” deve il suo nome ad Anna d’Austria che qui aveva l’abitudine di soggiornare. Si tratta di un boutique hotel di lusso situato nel cuore del Marais, a due passi da Place des Vosges. La bellissima struttura si trova all’interno di un cortile silenzioso ed è caratterizzata da muri ricoperti di edera e giardini ombreggiati. All’interno dell’hotel si trova l’Honesty bar che offre thé e caffè, ma anche cocktail e vino.

Angelina (226 rue de Rivoli, 75001 Parigi; +33 1 42 60 82 00)

Guida di Parigi

Guida di Parigi: Angelina

Il classico per eccellenza sulla scena del té pomeridiano a Parigi. Ad oggi dispone di dieci sedi solo in Francia e molte altre dislocate tra gli EAU, la Thailandia, la Cina ed il Giappone. Fondato nel 1903 da un pasticcere austriaco, Antoine Rumpelmayer, che dedicò il nome alla nipote, raggiunse il successo planetario grazie a due prodotti: la cioccolata calda “l’Africana”, resa unica dal mélange di cacao proveniente dal Niger, il Ghana e la Costa d’Avorio e la cui ricetta rimane segreta da allora, ed il “Mont-Blanc” che coniuga meringa, crema Chantilly e vermicelli di crema di marroni.

Le Bar du Bristol (112 rue du Faubourg Saint-Honoré 75008 Parigi; +33 1 53 43 43)

Guida di Parigi

Guida di Parigi: Le Bar du Bristol

Il bar del Bristol, storico hotel di lusso sul Faubourg Saint-Honoré, è un luogo amato dai Parigini per ritrovarsi davanti ad una tazza di thé o ad un cocktail. Dal martedì al sabato propongono anche serate accompagnate da dj sempre diversi che mixano musica elettronica con pezzi vintage. 

DOVE FARE SHOPPING

Chatelles (94 rue du Bac 75007 Parigi; + 33 1 42 22 20 46)

Guida di Parigi

Guida di Parigi: Chatelles

Nel 2012 François du Chastel lascia per sempre una promettente carriera in finanza a Londra e torna a Parigi per lanciare la sua start-up. Chatelles produce slippers femminili e dal gusto bon-ton 100% fatte a mano e possono essere personalizzate nel colore, nelle nappine o nelle iniziali. Da quando sono state avvistate ai piedi di Pippa Middleton hanno raggiunto un successo internazionale ed ora sono vendute in 14 boutique sparse in tutto il mondo, oltre che online sul loro sito. www.mychatelles.com. 

Soeur (88 rue Bonaparte 75006 Parigi; +33 1 46 34 19 33)

Guida di Parigi

Guida di Parigi: Soeur

Soeur è l’innovativo brand fondato, appunto, da due sorelle, Domitille ed Angélique Brion, che hanno deciso di unire le loro forze per vestire le giovanissime, dai 10 ai 18 anni. Non più bambine e non ancora ragazze, questo il target, difficile ma stimolante, che hanno scelto le sorelle Brion per le loro creazioni. Oggi dispongono di quattro boutique solo a Parigi, più una a Lione ed una a Bordeaux. 

Merci (111 Boulevard Beaumarchais 75003 Parigi; + 33 1 42 77 00 33)

Guida di Parigi

Guida di Parigi: Merci

Merci è stato creato nel 2009 nel cuore del quartiere storico dell’Haute-Marais. I fondatori volevano uno spazio che unisse il meglio della moda, dell’arredamento per la casa e del design. Riuniscono quindi in un palazzo di 1500 mq dislocati su tre piani: arredamento vintage e contemporaneo, brand di moda emergenti e collezioni già rodate, acquisti d’impulso, economici e pezzi unici. 

Fleux (39 Rue Sainte-Croix de la Bretonnerie 75004 Parigi; +33 1 42 78 27 20)

Guida di Parigi

Guida di Parigi: Fleux

Per tutti coloro che sono stanchi di IKEA, esistono pezzi di arredamento a buon mercato fatti anche fuori dalla Svezia. Fleux infatti è un famoso brand francese che offre una vasta gamma di pezzi di design decorativi e colorati. I due concetti principali cari ai fondatori sono il superfluo ed il lussuoso, anche se molti pezzi hanno poi uno scopo come le lampade fatte in vecchi barattoli o le librerie a forma di mano. 

LECLAIREUR (26 Avenue des Champs-Elysées 75008 Parigi; + 33 1 48 87 10 22)

Guida di Parigi

Guida di Parigi: LECLAIREUR

Dal 1980 LECLAIREUR si è sempre presentato come una forza visionaria nel mondo della moda (donna e uomo), del lifestyle e del design: “LECLAIREUR guarda sempre avanti, confrontandosi con il futuro, per osare, per interrompere – è nostro compito sedurre e soprendere”. Nelle sei boutique sparse in tutta la città quindi si possono trovare stilisti emergenti o nomi ormai impressi nel gotha della moda come Ann Demeulemeester e Dries Van Noten. 

Diptyque (34 boulevard Saint-Germain 75005 Parigi; +33 1 43 26 77 44)

Guida di Parigi

Guida di Parigi: Diptyque

La leggendaria boutique di lusso parigina è specializzata dal 1961 in candele profumate, con le quali sono arrivati al successo planetario, profumi, trattamenti per il corpo e per il viso. Oggi le candele sono arrivate a più di cinquanta diverse profumazioni e sono vendute in tutto il mondo, dagli Stati Uniti al Giappone, oltre che nelle cinque boutique di Parigi. 

APC (38 Rue Madame 75006 Parigi; +33 1 42 39 84 46)

Guida di Parigi

Guida di Parigi: APC

L’acronimo significa “Atelier de Production et de Création”, un nome sobrio e semplice che rispecchia in pieno le creazioni del designer Jean Touitou. Le collezioni donna e uomo di questo brand infatti vengono definite “minimaliste chic”: tinte unite, tagli eleganti ma semplici, che hanno reso APC famoso in Francia e nel mondo. 

Adelline (54 rue Jacob 75006 Parigi; +33 1 47 03 07 18)

Guida di Parigi

Guida di Parigi: Adelline

Adelline Roussel è una giovane viaggiatrice che si divide tra Parigi e Jaipur ed ha creato una linea di gioielli capace di esprimere il legame tra Oriente ed Occidente, tra arte ed artigianato, tra maschile e femminile. Adelline lavora solo oro 22k con rubini, quarzi, tormaline, acquemarine, topazi, ametiste e granati e vende le sue creazioni, oltre che nella boutique di rue Jacob, a New York, Gent e Tokyo. 

Le Bon Marché (24 rue de Sèvres 75007 Parigi; +33 1 44 39 80 00)

Guida di Parigi

Guida di Parigi: Le Bon Marché

Il supermercato dell’aristocrazia parigina. Fondato nel 1852 da Aristide Boucicaut, è stato il primo centro commerciale del mondo. Il reparto alimentare è lussuoso ed imperdibile, con una selezione eccelsa di cibi anche per un lunch veloce. 

Galerie Sentou Raspail (26 boulevard Raspail 75007 Parigi; +33 1 45 49 00 05) 

Guida di Parigi

Guida di Parigi: Galeries Sentou Raspail

Sentou è una galleria di culto situata sul boulevard Raspail che espone tutte le ultimissime creazioni di design contemporaneo. Icona di riferimento in materia di design e di art de vivre, ospita mobili, lampade, tessuti e arte della tavola che legano insieme modernità e poesia. 

E solo per l’atmosfera: Colette (213 rue Saint Honoré 75001 Parigi; +33 1 55 35 33 90)

Guida di Parigi

Guida di Parigi: Colette © jetsettimes

Probabilmente la boutique più famosa di Parigi. Si può trovare tutto ciò che è considerato hip e di tendenza: giocattoli, giornali, arredamento, gioielli e moda maschile e femminile. 

L’INDIRIZZO SEGRETO

Deyrolle (46 rue du Bac 75007 Parigi; +33 1 42 22 30 07)

Guida di Parigi

Guida di Parigi: Deyrolle © Marc Dantan

Deyrolle è uno spazio eclettico dove i visitatori possono trovare in vendita meravigliosi oggetti provenienti dal mondo naturale. Dai lunghi tavoli pieni di farfalle, ragni e insetti vari, alle incredibili stanze con leoni, zebre, orsi, antilopi, tigri, cervi, struzzi e pavoni imbalsamati. Fu fondato nel lontano 1831 da Jean-Baptiste Deyrolle che fu uno dei primi ad usare la tassidermia a scopo pedagogico per incoraggiare lo studio e l’amore verso la natura. Oggi rimane un luogo assolutamente unico ed un’istituzione a Parigi. 

Condividi:

Leave a reply