GUIDA DI HANOI, LA CITTÀ INVISIBILE

825
0
Condividi:

Percorrendo le vie della “città più asiatica dell’Asia”, come spesso Hanoi è soprannominata, ci si sente smarriti e sembra di correre in una realtà parallela. Una versione inedita del sud-est asiatico, unica e indimenticabile, che tra gli edifici dipinti di giallo e lo schiamazzo dei motorini nasconde il cuore pulsante del Vietnam. In equilibrio tra autenticità e contaminazioni, si sviluppano le stradine dell’Old Quarter, i cui suoni, colori e profumi si riversano nel Lago Hoan Kiem. Le sue acque calme, poi, li trasportano verso il quartiere francese, trasformandoli, rassicurandoli e rendendoli pura emozione.

Il Lago Hoan Kiem (la città sottile)

Guida di Hanoi - Lago Hoan Kiem (Ph. by Alessandra Nuzzo)

Guida di Hanoi – Lago Hoan Kiem (Ph. by Alessandra Nuzzo)

In qualsiasi modo approdiate ad Hanoi, per raggiungere il centro della città probabilmente utilizzerete uno dei comodissimi autobus di linea che collegano l’intero Vietnam. Il vostro autista pazzo al volante vi lascerà sulla sponda del magico e all’apparenza sconfinato Lago Hoan Kiem, cuore culturale e religioso della città.

Guida di Hanoi - Lago Hoan Kiem (Ph. by Alessandra Nuzzo)

Guida di Hanoi – Lago Hoan Kiem (Ph. by Alessandra Nuzzo)

Il momento ideale per godere del lago, e scoprire la leggenda che anima le sue acque, è il mattino presto. Indugiando sulle panchine circondate dai ciliegi in fiore, si può ammirare l’imponente Thap Rua circondata dalla prima nebbia dell’alba, e sperare di scorgere la tartaruga della leggenda. Secondo la tradizione, infatti, le acque del lago donarono una blasonata spada all’eroe vietnamita Le Loi per poter vincere la guerra contro la Cina. Una volta vinta, la spada fu reclamata da una tartaruga dorata inviata dagli dei, che abita ancora le acque del lago.

La cattedrale di San Giuseppe

Guida di Hanoi - Cattedrale di San Giuseppe (Ph. by Alessandra Nuzzo)

Guida di Hanoi – Cattedrale di San Giuseppe (Ph. by Alessandra Nuzzo)

Il tempo vi sembrerà sospeso. Ma, nel mentre, le affollate sponde del lago si saranno risvegliate al passaggio dei cittadini di Hanoi che corrono al lavoro, oppure che approfittano della rinfrescante brezza estiva per allenarsi alle prime luci del mattino. Così, vi renderete conto che è arrivato il momento di una rinfrancante e piccante colazione vietnamita a base di noodle. Vi basterà farvi guidare dai profumi lungo le sponde del lago. Tuttavia, prima di fermarvi sarete sicuramente distratti dall’imponente facciata della Cattedrale di San Giuseppe. I suoi scorci, in pieno contrasto con i colorati, talvolta dismessi e bassi edifici di Hanoi, visibili dal lago, vi attireranno. Percorso qualche isolato, alzerete gli occhi sulla sua solenne facciata in stile gotico europeo. E vi domanderete se davvero siete in Vietnam, a 10mila km da casa.
Soltanto molti minuti dopo ricorderete di avere ancora fame.

Il quartiere vecchio (la città e gli scambi)

Guida di Hanoi - Il quartiere vecchio

Guida di Hanoi – Il quartiere vecchio

Ciò che pensavate significasse il vostro viaggio sarà messo in discussione non appena vi affaccerete tra le vie del quartiere vecchio di Hanoi. Non saprete dire se state vivendo il passato o se invece, guardando tra le teste delle persone che lo affollano, state scorgendo il futuro. L’unico modo per rispondere a quest’interrogativo è perdersi nel dedalo de “Le 36 vie”, dove passato, presente e futuro si fondono. Qui, i segni del tempo si materializzano in marciapiedi ingombri di merci che separano le fila di edifici colorati e un po’ asian-bohémien che ospitano il vivace spirito vietnamita, e si alternano inaspettatamente a pagode e dinh.

Lo street-food di Hanoi (la città e gli scambi 2)

Pho Bo

Guida di Hanoi - Pho Bo

Guida di Hanoi – Pho Bo

La migliore bussola per orientarsi nell’Old Quarter sono i piatti di strada della tradizione di Hanoi, che non troverete da nessun’altra parte. Nel punto d’incontro con il lago Hoan Kiem troverete il miglior posto dove provare il Pho Bo. La famiglia che abita al 10 Ly Quoc Su prepara infatti quotidianamente da generazioni la miglior zuppa (pho) a base di noodle e carne di manzo (bo). Qui potrete condividere una vera e propria esperienza di food-sharing al modo asiatico, circondati dal pungente sentore di peperoncino fresco e lime.

Bun Bo Nam Bo

Guida di Hanoi - Bun Bo Nam Bo

Guida di Hanoi – Bun Bo Nam Bo

Una volta pronti per re-immergervi nella vitalità di Hanoi, percorrerete le viuzze che in origine ospitavano le corporazioni. Facendo gli equilibristi sugli stretti marciapiedi, per evitare i motorini che sfrecciano sull’asfalto, avrete modo di soffermarvi a guardare le botteghe e di assistere a scene di vita quotidiana. Una volta oltre, raggiungerete il 67 Hàng Điếu, dove potrete gustare il miglior Bun Bo Nam Bo della città. Questo piatto a base di carne di manzo con spaghettini piccanti, germogli e arachidi tostate è perfetto da condividere con gli amici.
Il calore della gente e la salsa al peperoncino vi scioglieranno, e, prima di lasciare Hanoi, vorrete tornarci.

Bun Cha Ta

Guida di Hanoi - Bun Cha Ta

Guida di Hanoi – Bun Cha Ta

Il sapore piccante del peperoncino non abbandonerà però facilmente le vostre labbra. Perciò, il miglior rimedio sarà attraversare le vie dedicate al culto del caffè per raggiungere il 21 Nguyễn Hữu Huân. Camminando avrete modo di provare le qualità uniche di caffè prodotte nelle vaste piantagioni dei dintorni di Hanoi. Raggiungerete così il Bun Cha Ta Hanoi, dove potrete provare il miglior Bun Cha Ta della città: un piatto a base di noodle, carne di maiale speziata e erbe aromatiche fresche. Questa pietanza è talmente buona da essere perfetta per essere gustata in compagnia, insieme ad una “bia Hanoi”.

Il quartiere francese (la città e la memoria)

Guida di Hanoi - Il quartiere francese, Teatro dell'Opera (Ph. by Alessandra Nuzzo)

Guida di Hanoi – Il quartiere francese, Teatro dell’Opera (Ph. by Alessandra Nuzzo)

Lasciandosi alle spalle le pittoresche vie tipicamente vietnamite che compongono il quartiere vecchio, le strade si allargano, gli edifici diventano man mano più decorati e snelli, e i colori saturi lasciano il posto alle tinte dell’eleganza coloniale francese. Come per magia, sembra di attraversare il confine tra due epoche storiche e due correnti artistiche, piuttosto che l’arbitrario confine tra due quartieri della stessa città. In un battito di ciglia ci si sente a Parigi. A settembre, negli anni ‘20, indecisi su quale cafè alla moda scegliere, e dubbiosi sul proprio abbigliamento da back-packer che sembra del tutto fuori tempo. Tra i viali alberati e le ville eleganti, spicca il Teatro dell’Opera. La sua blasonata facciata neo-barocca e la sua atmosfera retrò la rendono inconfondibile. All’interno, lo sfarzo e il lusso dell’arredo francese si scontrano con l’essenza semplice e vivace del territorio che li ospitano.

Un quartiere in bilico nel tempo, preservato dai cambiamenti sociali e culturali. Qui i viaggiatori romantici hanno un’ottima occasione per vivere qualche ora nel passato e sentirsi in un’epoca per noi europei tanto felice. “Un’epoca d’oro”, ricca di manifestazioni artistiche, che qui in Vietnam possono vivere soltanto molti anni dopo. E per vivere appieno la fiorente produzione artistica vietnamita, proprio come all’ora, il luogo migliore sono proprio i cafè.

I cafès del quartiere francese (la città e la memoria 2)

Cafe Lam

Guida di Hanoi - Cafe Lam

Guida di Hanoi – Cafe Lam

L’interpretazione Vietnamita del luogo di ritrovo degli intellettuali del secolo scorso prende forma nello spazio disadorno di Cafe Lam. Il suo aspetto, troppo poco bourgeois agli occhi dei turisti, lascia interdetti sulla soglia a decidere se vale la pena di entrare oppure no. Ne vale la pena, perché, al di là del miglior caffè freddo della città, i suoi colori stonati e l’atmosfera nostalgica che infondono vi trasporteranno negli anni ’50. E i suoi interni vi racconteranno la storia dell’uomo senza nome che ha fondato questo luogo per far sentire a casa quelli che si sentivano bene soltanto con una matita e dei colori ad olio in mano.

60 Nguyen Huu Huan, Hanoi

cafelam.com

S’Patisserie

Guida di Hanoi - S'Patisserie

Guida di Hanoi – S’Patisserie

Chi, piuttosto che di una storia, è alla ricerca di una torta al cioccolato, sarà realizzato da S’Patisserie. I suoi balconcini con vista sul lago, ricchi di fioriere e lanterne, offrono calore a coloro che desiderano un po’ di dolcezza europea. E, mentre il vostro palato sarà deliziato dalle prelibatezze della pasticceria e la punta del vostro naso sarà sporcata dal cappuccino, vi accorgerete che il sentore di peperoncino è sparito. Ha lasciato spazio al profumo di cocco: sarete così certi di aver trovato l’Europa in Asia.

17 Hang Khay Street, Hanoi

Pho Co

Guida di Hanoi - Pho Co

Guida di Hanoi – Pho Co

Quelli che invece l’Europa vogliono lasciarla alle spalle, sono attesi da una caccia al tesoro per trovare l’entrata di Pho Co, nascosta tra bancarelle e negozietti. Non demordete. Una volta raggiunta l’angusta stradina che lo ospita, e percorse le pericolanti scale sulle quali potreste scontrarvi con un pollo vivo e vegeto, raggiungerete la terrazza mozzafiato con vista sul lago. Seduti lì, davanti al vostro egg cafè, capirete che non siete davvero a Parigi a settembre. Ed è meglio così. Hanoi è il presente, e forse il futuro, e soltanto qui il vostro caffè costa 30 centesimi.

2 Hang Dong, Hanoi

Cenare ad Hanoi (la città e il desiderio)

Hanoi, illuminata dalla sera, diventa una città ancora diversa. Le strade si animano di giovani che fanno tintinnare le proprie birre per brindare alla fine di una lunga giornata. E le sponde del lago si affollano di venditori ambulanti e risuonano di musiche tradizionali. I vostri occhi saranno distratti dalle molte forme di intrattenimento spontanee che affollano Hanoi. Così non saprete se partecipare ad una gara di karaoke improvvisata sulle note delle canzoni americane, oppure se acquistare i biglietti per uno spettacolo mozzafiato di marionette sull’acqua. Prima di tutto, però, dovrete scegliere dove mangiare, e Hanoi davvero è capace di soddisfare tutti i palati.

Green Tangerine

Guida di Hanoi - Green Tangerine

Guida di Hanoi – Green Tangerine

L’unico modo per definire Green Tangerine è indimenticabile. Solcando la soglia di questa villa in stile art decò, sui cui muri del 1920 corrono rigogliosi rampicanti, vi sembrerà di entrare in un film di Woody Allen. Questa pellicola, divisa in portate di cucina franco-vietnamita meritevoli di Oscar, è da gustare seduti ad un tavolino all’aperto nel cortile senza tempo. Tutto sarà all’altezza delle aspettative, e il petto d’anatra con i formaggi rimarrà impresso nelle vostre menti. Solo che non potrete mandare indietro il nastro per esserne deliziati ancora, a meno di non tornarci.

48 Hang Be, Hanoi

greentangerinehanoi.com/en

Quan An Ngon

Guida di Hanoi - Quan An Ngon

Guida di Hanoi – Quan An Ngon

Per provare la cucina di Quan An Ngon, che significa letteralmente “delizioso”, sarà meglio che vi armiate di pazienza per affrontare la fila all’entrata. Questo è il posto più famoso di Hanoi ed è nato dall’idea di offrire street-food di alta qualità in un ambiente ricercato, il cui calore vi stregherà. Nell’attesa potrete aggirarvi per le postazioni di cucina che affollano il giardino, e chiedere consigli su quali pietanze ordinare una volta che avrete preso posto. Potrete scegliere di condividere il vostro tavolo con altri ospiti, oppure potrete accomodarvi ad un tavolino privato in ferro battuto all’interno della storica villa coloniale che lo ospita.

18 Phan Boi Chan Street, Hanoi

quananngon.com.en

The Hung Snake

Guida di Hanoi - Le Mat

Guida di Hanoi – Le Mat

I più coraggiosi, invece, non potranno lasciare Hanoi senza prima aver visitato il quartiere Le Mat. In queste strade, da generazioni, le famiglie dei ristoratori si dedicano alla ricerca culinaria a base di carne di serpente. Quelli che condividono un certo gusto per la sperimentazione, e in parte sono animati da una certa passione per il macabro, saranno soddisfatti da The Hung Snake Restaurant. Il serpente è servito in diversi modi, che spaziano dalla frittura alla minestra, e i proprietari intrattengono gli ospiti con storie e leggende legate al culto del serpente.

33 Le Mat, Hanoi

snake.vn/page/le-mat-snake-village

Il distretto di Ba Dinh (la città e il nome)

Guida di Hanoi - Ba Dinh (Ph. by Alessandra Nuzzo)

Guida di Hanoi – Ba Dinh (Ph. by Alessandra Nuzzo)

Arrivati a questo punto, sarete in preda al desiderio di sapere, di conoscere e di capire dove questa città trovi la sua magia. Vi chiederete come abbia preso queste forme e perché l’aria qui è impregnata di sapori piccanti al gusto di crema pasticciera. Ma soprattutto, vorrete sapere chi abbia deciso che chiamare questo luogo città “su un’ansa del fiume” (Hanoi) potesse essere sufficiente a raccontarne l’essenza. Fortunatamente, il distretto di Ba Dinh, con i suoi edifici monumentali intrisi di storia, offre tutte le risposte.

Guida di Hanoi - Tempio della Letteratura (Ph. by Alessandra Nuzzo)

Guida di Hanoi – Tempio della Letteratura (Ph. by Alessandra Nuzzo)

All’interno dell’immaginaria linea che definisce il confine del distretto di Ba Dinh, vi imbatterete in edifici storici che raccontano la storia della città e l’evoluzione del Vietnam dal XI secolo fino ai giorni nostri. Il sapere e la bellezza della dinamica e poliedrica cultura Vietnamita sono tutt’ora conservati e tramandati attraverso l’architettura e i segni del tempo che caratterizzano questo spazio di Hanoi.

La sensazione di serenità e pace che si raggiunge al termine del percorso di scoperta di se’ stessi nel Tempio della Letteratura è comparabile soltanto al senso di stupore indotto dalla vista della storica pagoda ad una sola colonna e del suo santuario.

Guida di Hanoi - Mausoleo di Ho Chi Minh (Ph. by Alessandra Nuzzo)

Guida di Hanoi – Mausoleo di Ho Chi Minh (Ph. by Alessandra Nuzzo)

Tuttavia, soltanto raggiungendo la piazza di Ba Dinh, il centro politico della nazione, è possibile avere un quadro completo. È possibile qui comprendere come la storia del Vietnam abbia avuto una svolta significativa e abbia finito con il preferire la semplicità e l’austerità allo sfarzo dell’epoca Imperiale. L’imponente e serioso mausoleo dedicato ad Ho Chi Minh, il leader comunista Vietnamita al quale la nazione deve la propria indipendenza, è dominato dai toni del grigio. L’unico tocco di colore è offerto dal rosso purpureo degli striscioni comunisti, che corrono lungo le sue mura ricordando l’importanza della libertà della gente di Hanoi.

Hanoi: la città invisibile

Guida di Hanoi - Pagoda ad una colonna (Ph. by Alessandra Nuzzo)

Guida di Hanoi – Pagoda ad una colonna (Ph. by Alessandra Nuzzo)

Gli appassionati di letteratura, leggendo questo articolo, si saranno sentiti un po’ come si sentiva l’imperatore Kublai Kan ad ascoltare i racconti di Marco Polo delle città invisibili. Hanoi è tante realtà in una, che si muovono scoordinate nello stesso spazio urbano. Convivono felici, armonizzate dal brusio dei motorini. E sarà proprio questo suono a tenervi con i piedi per terra mentre percorrerete le sue strade.

Alla fine di questo percorso ci si rende conto però che Hanoi è più della sua storia. I volti della gente allegra che ne animano le vie sono più significativi del ricordo di un passato ormai concluso. E così, tra le allegre e scalpitanti vie della città, quella vera e autentica, lontana da ciò che dovrebbe essere, il pensiero che sfiora la mente del viaggiatore è che forse più della storia, più del passato, è la gente che guarda il futuro a rendere preziosa una città e a darle il suo nome.

Pages: | Multi-Page

Condividi: