IL GRANDE RITORNO DI GUCCI

379
0
Condividi:

Gucci torna a Firenze nel 1921, dopo aver lavorato da emigrato a Parigi e a Londra. Appena rientrato nella città natale comincia ad aprire una serie di negozi di pelletteria, nei quali propone anche degli articoli da viaggio e qualche accessorio per l’equitazione. Il marchio della casa prende la sua grafica proprio dall’ambito equestre. Prima col morsetto e la staffa, poi con la coccarda verde-rosso-verde ispirata al sotto sella del cavallo. Dopo Firenze Gucci apre anche a Milano e a Roma, in via Condotti, aiutato dai figli. La sua fortuna cresce grazie anche all’uso di materiali originali e meno costosi come lino, canapa e Juta. Molte delle sue creazioni sono passate alla storia. Come il foulard Flora creato per Grace Kelly, o altri accessori usati dalle dive come Audrey Hepburn, Jackie Kennedy, e Maria Callas. Oggi il marchio vanta anche un Museo in Piazza della Signoria a Firenze nel vecchio palazzo del Tribunale della Mercanzia. Ed è fortemente impegnato con il suo Chime for Change nella lotta contro la violenza sulle donne.

Pages: 1 | 2 | Single Page

Condividi:

Leave a reply