FIERA CAMMELLI PUSHKAR : RACCONTO FOTOGRAFICO

7279
0
Condividi:

Cammellieri, pastori, ambulanti e gitani. Preghiere, trattative e feste religiose. Benvenuti alla Fiera Cammelli Pushkar, una polverosa confusione che lascerà chiunque piacevolmente meravigliato. 

Fiera dei Cammelli di Pushkar

Fiera Cammelli Pushkar

Donna indiana alla Fiera dei Cammelli di Pushkar

Donna indiana alla Fiera Cammelli Pushkar

Ogni anno, a Novembre, si svolge a Pushkar l’annuale fiera dei Cammelli, un evento da vedere una volta nella vita.

L’ARRIVO DEI MERCANTI

Qua non ci sono comunicazioni ufficiali, siti web o giornali locali che indichino date esatte o programmi. Qua però, nei minuscoli villaggi del deserto del Thar, cammellieri e pastori condividono l’atavica conoscenza che otto giorno prima del plenilunio del mese di Kartica (circa il nostro Novembre) la grande fiera dei cammelli di Pushkar avrà inizio. E sanno che, se vogliono vendere i cammelli ed il bestiame per cui hanno duramente lavorato un anno intero, dovranno raggiungere Pushkar in tempo. Iniziano così, armati di provviste, turbanti e lunghi baffi, le loro lunghe marce attraverso le dune del deserto. Marce che possono durare oltre un mese. E, infatti, il primo spettacolo che si ammira a Pushkar nei giorni della fiera è quello dei cammellieri che emergono in lontananza dalle dune del deserto con ritmo stanco. Seguiti dalle ordinate mandrie di cammelli che stanno al loro passo.

Fiera Cammelli pushkar: Un cammelliere arriva a Pushkar, foto di Anthony Pappone

Fiera Cammelli pushkar: Un cammelliere arriva a Pushkar, foto di Anthony Pappone

Fiera Cammelli pushkar: Arrivo a Pushkar, foto di Anthony Pappone

Fiera Cammelli pushkar: Arrivo a Pushkar, foto di Anthony Pappone

Fiera Cammelli pushkar: Cammelliere in marcia, foto di Anthony PAppone

Fiera Cammelli pushkar: Cammelliere in marcia, foto di Anthony Pappone

Fiera Cammelli pushkar: Campo per cammellieri di Pushkar, foto di Anthony Pappone

Fiera Cammelli pushkar: Campo per cammellieri di Pushkar, foto di Anthony Pappone

LE GIORNATE DELLA FIERA CAMMELLI PUSHKAR

Giunti tutti, cammellieri, pecorai, ambulanti, gitani o semplici avventori, la fiera può avere inizio. La prima giornata dell’evento è dedicata alla sistemazione del campo, delle tende, delle merci e delle mandrie. Così da poterle presentare l’indomani a qualsivoglia compratore.

Fiera Cammelli pushkar: Cammellieri al riposo, foto di Anthony Pappone

Fiera Cammelli pushkar: Cammellieri al riposo, foto di Anthony Pappone

Fiera Cammelli pushkar: Il riposo dei Cammellieri, foto di Anthony Pappone

Fiera Cammelli pushkar: Il riposo dei Cammellieri, foto di Anthony Pappone

Inizia poi la fiera vera e propria. Il deserto attorno alla piccola cittadina di Pushkar diventa teatro di battaglie all’ultima rupia per l’acquisto cammelli, capre o cavalli. Spettacoli di magia, di danza e compagnie teatrali si mischiano ai venditori di qualsiasi mercanzia che allestiscono bancarelle in tutta la pianura. 

Fiera Cammelli pushkar: Un cammello viene testato. Foto di Anthony Pappone

Fiera Cammelli pushkar: Un cammello viene testato. Foto di Anthony Pappone

Fiera Cammelli pushkar: Acqua per i cammelli, foto di Anthony Pappone

Fiera Cammelli pushkar: Acqua per i cammelli, foto di Anthony Pappone

Fiera Cammelli pushkar: trattativa per Cammelli, foto di Anthony Pappone

Fiera Cammelli pushkar: trattativa per Cammelli, foto di Anthony Pappone

Fiera Cammelli pushkar: Venditore di Cavalli, foto di Anthony Pappone

Fiera Cammelli pushkar: Venditore di Cavalli, foto di Anthony Pappone

Fiera Cammelli pushkar: Venditrice di pane, foto di Anthony Pappone

Fiera Cammelli pushkar: Venditrice di pane, foto di Anthony Pappone

Le trattative e gli scambi vanno avanti per giorni. Tra nuovi arrivati, trattative infinite, truffe e restituzioni. Le notti passate sotto le stelle del deserto d’autunno vedono i campi illuminarsi di mille luci. Tra falò, canti, danze e feste che prendono vita alla chiusura dei mercati. C’è chi in disparte studia strategie commerciali per l’indomani, c’è chi invece decide di godersi i festeggiamenti.

Incantatori di serpenti alla fiera dei cammelli, foto di Anthony Pappone

Incantatori di serpenti alla fiera dei cammelli, foto di Anthony Pappone

Luna Park alla fiera dei cammelli di Pushkar, foto di Anthony Pappone

Luna Park alla fiera dei cammelli di Pushkar, foto di Anthony Pappone

Sputafuoco indiano, foto di Anthony Pappone

Sputafuoco indiano, foto di Anthony Pappone

La danza Rajasthana, foto di Anthony Pappone

La danza Rajasthana, foto di Anthony Pappone

Luna Park alla fiera dei Cammelli, foto di Anthony Pappone

Luna Park alla fiera dei Cammelli, foto di Anthony Pappone

Ballerina Rajasthana

Ballerina Rajasthana

LA FIERA TRA SACRO E PROFANO

Perché la fiera di Pushkar è al contempo festa e religione. I pastori e i nomadi del deserto vengono qua per vendere i loro animali. E dal ricavato dipenderà probabilmente la loro stessa sussistenza per l’anno successivo. Ma vengono anche per pregare sulle rive del lago di Pushkar, secondo luogo sacro dopo Varanasi per gli Induisti. E per godersi la Mela, una festa rituale che è sacra e profana al contempo.

Donne Rajasthane fanno acquisti, foto di Anthony Pappone

Donne Rajasthane fanno acquisti, foto di Anthony Pappone

Cammellieri attorno al fuoco,  foto di Anthony Pappone

Cammellieri attorno al fuoco, foto di Anthony Pappone

Cammelliere che fuma un bong, foto di Anthony Pappone

Cammelliere che fuma un bong, foto di Anthony Pappone

Cammelliere

Cammelliere

Conclusasi dunque la fiera del bestiame ha inizio la Mela, la festa religiosa. La città si riempie di colorati bazar e tutti, cammellieri, compratori, visitatori e fedeli festeggiano pregando. Si stringono alleanze, si progettano matrimoni. Tutto fino all’ultimo giorno di Fiera, quello del Kartik Purnima, in cui l’usanza vuole che i fedeli, giunti da ogni parte del Rajasthan per l’avvenimento, compiano ripetuti peripli intorno al piccolo ma sacro lago di Pushkar.

Donne Rajasthane

Donne Rajasthane

La fiera dei Cammelli di Pushkar si riposa

La fiera dei Cammelli di Pushkar si riposa

Cammellieri attorno al Falò

Cammellieri attorno al Falò

E nonostante la fiera dei Cammelli di Pushkar sia oggi divenuta una meta abbastanza gettonata dal turismo, conserva, almeno all’apparenza, tutte le caratteristiche veraci della fiera d’un tempo. Certo gli ambulanti che tentano di vendere mercanzie di ogni sorta sono esponenzialmente cresciuti in numero, i prezzi degli hotel più che raddoppiati e lo stesso riuscire a trovare una sistemazione nei giorni della fiera non è né semplice né scontato. Però questa polverosa confusione è proprio parte della bellezza dell’evento.

Cammelliere al tramonto

Cammelliere al tramonto

DOVE ALLOGGIARE PER L’EVENTO

Pushkar durante i giorni della fiera si riempie di lussuosi campi tendati per turisti che vogliono assistere all’evento. Per chi volesse provare l’ebrezza di dormire sotto le stelle in una sistemazione tuttavia non priva di stelle, il Royal Safari Camp (tende da 140 euro per notte), The Heritage Camp (tende con pensione completa da 130 euro a notte) o il bellissimo Camp Bliss (tenda da 220 euro a notte).

Per tutte le informazioni su Pushkar, come arrivare e cosa fare, leggi QUA la nostra guida di Pushkar.

Testo di Federico Sigali

Fotografie di Anthony Pappone

Condividi: