FESTIVAL FRANCIACORTA A MILANO: COSA ASSAGGIARE

316
0
Condividi:

Più che un appuntamento fisso in calendario, il Festival Franciacorta è un rito, un omaggio a questo pezzo di Lombardia e ai suoi frutti. Chi scopre la Franciacorta se ne innamora, tappa d’obbligo per chi ama il buon bere ma anche per un turismo delicato. Si viene catturati dal fascino di luoghi in cui domina una natura semplice, disegnata dalla sinuosità collinare, dalla luce, dai profumi, dal luccichio del Lago d’Iseo. Il passato viene raccontato dai bellissimi monasteri, come per esempio San Pietro in Lamosa, dalle Abbazie (vedi la splendida Abbazia di San Nicola a Rodengo Saiano) e dai castelli.

La Franciacorta è un territorio generoso con grande vocazione alla viticoltura di qualità, in cui le stesse vigne sono patrimonio culturale.

Ogni anno a settembre il Festival Franciacorta apre le porte delle cantine alle migliaia di visitatori, appassionati, esperti e curiosi che nei due giorni della manifestazione degustano le varie annate ed entrano in contatto con una parte del mondo reale e non sempre incantato o incantevole dei produttori.

È un mondo dove l’amore spassionato per la vigna, per il vino, per la terra primeggia su tutto come una poesia di sottofondo, e che richiede grandi sforzi, impegni e sacrifici. Non esistono vie di mezzo nel mestiere di un viticoltore, che sia grande o piccolo, perchè tale mestiere richiede una dedizione totale. In compenso il risultato appaga quelle fatiche, la terra ti riconsegna quella passione e quel sacrificio in un “nettare”: il vino. E condividere il tuo vino con gli altri è qualcosa che va oltre l’aspetto economico.

Pages: 1 | 2 | 3 | 4 ... | Single Page

Condividi: