GLI EDIFICI DI ZAHA HADID, LA REGINA DELLE CURVE

12206
0
Condividi:

Il 31 Marzo 2016 veniva annunciata al mondo la prematura scomparsa di Zaha Hadid, una delle più emblematiche figure dell’architettura contemporanea. Definita ‘la regina delle curve’ per le forme fluide delle proprie architetture, l’archistar irachena se n’è andata lasciando un’indelebile impronta nell’architettura mondiale, col suo stile definito, chiaro e futuristico. Accanto alla grandezza stilistica, Hadid è stata anche un esempio per il progresso sociale del Medio Oriente, in quanto prima donna araba a vincere il premio Pritzker (2004), il premio Stirling (2010 e 2011) e il RIBA Gold Metal (2015).  The Italian Eye propone un itinerario attorno al globo alla scoperta dei più begli edifici di Zaha Hadid, l’indiscussa regina dell’architettura contemporanea.

Zaha_Hadid_Portrait_by_Simone_Cecchetti

CENTRO CULTURALE HEYDAR ALIYEV, BAKU, AZERBAJAN (2012)

Zaha Hadid: Heydar Aliyev Center

Zaha Hadid: Heydar Aliyev Center

http://heydaraliyevcenter.az/

Costruito tra il 2007 e il 2012, il Centro Culturale Heydar Aliyev di Baku è stato riconosciuto come Museo dell’Anno nel 2014. L’edificio, che prende il nome dell’ex presidente azero Heydar Aliyev, contiene tre auditorium, una biblioteca e un museo. Per il suo ruolo fondamentale nella vita intellettuale della città è divenuto simbolo del rinnovamento di Baku

PONTE SHEIKH ZAYED, ABU DHABI (2010)

Zaha Hadid: Sheikh Zayed Bridge

Zaha Hadid: Sheikh Zayed Bridge

http://www.zaha-hadid.com/architecture/sheikh-zayed-bridge/

Questo ponte, chiamato come il celebre sceicco e architetto emiratino Zayed, si estende per ben 842 metri sopra il canale Maqtah di Abu Dhabi. La struttura curvilinea rimanda alle dune del deserto degli Emirati, permettendo alla costruzione di amalgamarsi armoniosamente col paesaggio circostante.

CENTRO ACQUATICO DI LONDRA, STRATFORD (2011)

Zaha Hadid: London Olympic Aquatic Centre

Zaha Hadid: London Olympic Aquatic Centre

http://www.londonaquaticscentre.org/

Costruito a East London come sede degli sport acquatici delle Olimpiadi estive del 2012, il Centro Acquatico Stratford continua ad essere utilizzato per eventi sportivi legati al nuoto. L’edificio ospita due vasche di 50 metri per il nuoto e una piscina di 25 metri per tuffi; le grandi pareti vetrate creano un potente sistema di luce naturale, coadiuvato dalle luci artificiali di forma ovale del soffitto.

ACCADEMIA EVELYN GRACE, LONDRA (2008)

Zaha Hadid: Evelyn Grace Accademy

Zaha Hadid: Evelyn Grace Academy

http://evelyngraceacademy.org/

L’Accademia Evelyn Grace è una scuola pubblica nella zona di Brixton, a sud di Londra. Il complesso è strutturato con un’insolita forma a Z attorno ad un tunnel passante che serve da pista per la corsa. Proprio grazie alla creazione di questo edificio, il 2008 ha segnato il momento del riconoscimento di Zaha Hadid tra i più apprezzati architetti del Regno Unito.

STAZIONE VITRA FIRE, WEIL AM RHEIN, GERMANIA (1994)

Zaha Hadid: Vitra Fire Station

Zaha Hadid: Vitra Fire Station

http://www.zaha-hadid.com/architecture/vitra-fire-station-2/

Essendo questo uno dei primi progetti di Hadid, le linee e i colori sono abbastanza inusuali rispetto a quelli della sua produzione successiva. La Stazione è stata concepita come parte degli edifici industriali dell’area, ma i critici hanno osservato che “definisce, più che occupare semplicemente uno spazio”. Oggi è stata riconvertita a centro per eventi.

STAZIONE DI HUNGERBURGBAHN, INNSBRUCK (2007)

Zaha Hadid: Hungerburgbahn Station

Zaha Hadid: Hungerburgbahn Station

http://www.zaha-hadid.com/architecture/nordpark-railway-stations/

In contrasto con l’atmosfera tradizionale di Innsbruck, la stazione di Hungerburgbahn si distingue per il suo aspetto moderno e insolito. L’edificio si struttura in quattro sezioni che richiamano la forma delle Alpi e le formazioni naturali di ghiaccio tipiche dei loro paesaggi.

CENTRO DELLA SCIENZA PHAENO, WOLFSBURG (2005)

Zaha Hadid: Phaeno Science Center

Zaha Hadid: Phaeno Science Center

Orario: martedì – venerdì 9 – 17, sabato, domenica e festivi 10 – 18, lunedì, 24.12, 31.12 chiuso. Durante vacanze scolastiche nella Bassa Sassonia: 10 – 18.

http://www.phaeno.de/index/

Nella visione di Hadid, il Centro della Scienza Phaeno avrebbe dovuto rappresentare la sua summa stilistica. Tra gli elementi di richiamo sono incluse le curve, le protrusioni e gli angoli affilati. Secondo alcuni critici, come nella stazione Vitra Fire, l’obiettivo principale dell’edificio è quello di esplorare la percezione dello spazio.

MUSEO RIVERSIDE, GLASGOW (2011)

Zaha Hadid: Riverside Museum

Zaha Hadid: Riverside Museum

Orario: lunedì – giovedì, sabato 10 – 17, venerdì, domenica 11 – 17.

http://www.glasgowlife.org.uk/museums/riverside/Pages/default.aspx

Nel 2013 il Riverside Museum di Glasgow ha vinto il premio di Museo Europeo dell’Anno. Situato sul porto della città scozzese, è anche definito “il Guggenheim di Glasgow” per la sua struttura avveniristica in acciaio che si affaccia sul fiume Clyde. Lo spazio di esposizione si estende per 7000 metri quadri, dominato da una facciata alta ben 36 metri che termina con un tetto di zinco a zig-zag.

BRIDGE PAVILION, SARAGOZZA (2008)

Zaha Hadid: Pavilion Bridge

Zaha Hadid: Pavilion Bridge

Orario: lunedì – domenica 10 – 14, 17 – 21. Visite guidate: venerdì 10 – 17. Entrata gratuita.

http://www.zaha-hadid.com/design/zaragoza-bridge-pavilion/

Ispirato al movimento fluido dell’acqua, questo ponte è stato progettato da Hadid come principale via d’ingresso all’Expo 2008 di Zaragoza. Passando sopra il fiume Ebro per 280 metri, collega infatti il quartiere di La Almozara con l’area padiglioni, diventando già di per sé uno spazio espositivo.

MAXXI – MUSEO NAZIONALE DELLE ARTI DEL XXI SECOLO, ROMA (2010)

Zaha Hadid: MAXXI

Zaha Hadid: MAXXI

Orario: martedì – venerdì 11 – 19, sabato 11 – 22, domenica 11- 19.

http://www.fondazionemaxxi.it/en/

Il MAXXI, Museo d’arte contemporanea, ha sede nel quartiere Flaminio di Roma, accanto alla basilica di Santa Croce. L’edificio è una composizione di tubi oblunghi ripiegati che si sovrappongono e intersecano, ricordando un enorme mezzo di trasporto.  All’interno del museo si trovano due collezioni permanenti che crescono attraverso acquisizioni, commissioni e donazioni. 

TORRE CMA CGM, MARSIGLIA (2010)

Zaha Hadid: CMA CGM Tower

Zaha Hadid: CMA CGM Tower

http://www.zaha-hadid.com/architecture/cma-cgm-headquarters/

Questo grattacielo di 147 metri, 33 piani e 20 ascensori, sito nella zona Euromediterranée di Marsiglia, è stato progettato con lo scopo di ospitare 2200 impiegati, precedentemente collocati in diversi edifici sparsi per tutta la città. L’obiettivo architettonico della Torre è quello di interagire a livello stilistico con altri edifici della città, come il Castello d’If e la basilica di Notre-Dame de la Garde.

CENTRO PER L’ARTE CONTEMPORANEA ROSENTHAL, CINCINNATI (2003)

Zaha Hadid: Rosenthal Contemporary Art Center

Zaha Hadid: Rosenthal Contemporary Art Center

Orario: sabato – lunedì 10 – 16, martedì chiuso, mercoledì – venerdì, 10 – 21.

http://www.zaha-hadid.com/architecture/lois-richard-rosenthal-center-for-contemporary-art/

Primo edificio a Cincinnati progettato da una donna, il Centro per l’Arte Contemporanea Rosenthal ha l’obiettivo di riaffermare i valori urbani della città e stabilire un dialogo tra essa e l’edificio stesso. All’interno il centro non offre una collezione permanente, ma presenta sempre nuove esposizioni temporanee di scultura, fotografia, pittura, architettura e scienza.

GALAXY SOHO, PECHINO (2012)

Zaha Hadid: Galaxy Soho

Zaha Hadid: Galaxy Soho

http://galaxysoho.sohochina.com/en

Questa struttura futurista è formata da quattro cupole legate da un misto di ponti e piattaforme distribuite intorno a una “gola” centrale. I suoi interni sono costruiti seguendo i motivi tradizionali dell’architettura cinese, anche se proprio alcuni gruppi locali lo hanno criticato. È principalmente usato come spazio per uffici e eventi di intrattenimento.

OPERA DI GUANGZHOU, GUANGZHOU, CINA (2010)

Zaha Hadid: Guangzhou Opera House

Zaha Hadid: Guangzhou Opera House

http://gzdjy.org/default.aspx

Costruito tra il 2005 e il 2010, il teatro dell’opera di Guangzhou è una struttura di grandissimo impatto, fatta di granito, vetro e acciaio. È stata progettata per amalgamarsi con il fiume Zhujiang che scorre lì vicino. Hadid l’ha definito come “ghiaia in un ruscello appianata da un’erosione”.

WANGJING SOHO, PECHINO (2014)

Zaha Hadid: Wangjing Soho

Zaha Hadid: Wangjing Soho

http://wangjingsoho.sohochina.com/en

Il complesso è formato da tre grattacieli asimmetrici e si trova nella periferia di Pechino, tra il centro e l’aeroporto della città. Secondo Hadid, data la sua posizione, esso è “un benvenuto e un arrivederci a Pechino”. Gli strati metallici esterni unificano il complesso e gli danno volume. All’interno sono contenuti uffici e magazzini.

Condividi: