DOVE L’ARCHITETTURA INCONTRA L’ARTE: 8 INCREDIBILI EDIFICI CONTEMPORANEI

1778
0
Condividi:

Capolavori ingegneristici dal design futuristico: 8 progetti (realizzati) di edifici contemporanei che sembrano venire dal futuro. Da Singapore a Tokyo alla California fino a Londra, 8 strutture assolutamente da visitare per capir dove l’uomo è riuscito ad arrivare

Gardens by the bay (8 Marina Gardens Drive, Singapore)

Gardens by the bay, tra i più begli edifici contemporanei

Gardens by the bay, tra i più begli edifici contemporanei

Costato oltre un miliardo di dollari, il Gardens by the bay, a Singapore, è uno dei più imponenti parchi mai realizzati nella storia. Rientra nell’ecologica idea del governo della piccola città stato di trasformare Singapore da una “città-giardino” ad una “città all’interno di un giardino”. Il parco contiene, accanto ad un giardino di “superalberi”, due magnifiche serre in vetro conosciute come Flower Dome e Cloud Forest. Questi edifici, energicamente autosufficienti, sono un perfetto esempio di costruzioni eco sostenibili. Il parco, inaugurato nel 2012, si estende su una superficie di oltre cento ettari, su un fazzoletto di terra strappato alle acque del mare ed anche per questo si colloca tra le più grandi realizzazioni ingegneristiche di tutti i tempi. Aperto tutti i giorni dalle 5 AM alle 2PM.

The Harpa (Austurbakka 2, 101 Reykjavík, Islanda)  

The Harpa, tra i più begli edifici contemporanei

The Harpa, tra i più begli edifici contemporanei

Inaugurata nel 2011 e vincitrice del premio “building of the year” della Commissione europea nel 2013, la Harpa è presto diventato l’edificio più visitato della capitale islandese. Questa sala concerti e conferenze è un perfetto esempio di come arte e ingegneria possano incontrarsi per formare un capolavoro. All’interno della riqualificazione della zona portuale di Reykjavik, gli architetti Henning Larsen, in collaborazione con l’artista islandese Olafur Eliasson, hanno progettato questa struttura geometrica costituita da una base in acciaio ricoperta di vetro. È possibile visitare l’Harpa assistendo ad uno dei concerti che spaziano dalla musica classica a quella moderna (qua il programma en.harpa.is), oppure attraverso uno dei tour guidati giornalieri. All’Interno della struttura sono inoltre presenti due ristoranti, il più formale Kolabrautin, aperto ogni sera dalle 17.30 alle 22.30 ed il Smurstodin, una più semplice caffetteria aperta tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00.

Burj Khalifa (1 Sheikh Mohammed bin Rashid Blvd, Dubai)

Burj Khalifa, tra i più begli edifici contemporanei

Burj Khalifa, tra i più begli edifici contemporanei

Burj Khalifa, è, ad oggi, l’edificio più alto del mondo. Questo capolavoro di ingegneria s’innalza per 828,9 metri e comprende 160 piani. Costruito fra il 2004 e il 2010, è stato progettato da Adrian Smith dello studio Skidmore, Owings e Merrill. Inizialmente il grattacielo avrebbe dovuto chiamarsi Burj Dubai, tuttavia il nome venne cambiato in onore di Khalifa Bin Zayed Al Nahayan, presidente degli Emirati Arabi Uniti e artefice del salvataggio economico della città di Dubai. È stato recentemente aperto, al 148mo piano, il più alto terrazzo panoramico del mondo (555piani), al quale i visitatori possono accedere.

Petronas Towers (Kuala Lumpur City Center)

Petronas Towers, tra i più begli edifici contemporanei

Petronas Towers, tra i più begli edifici contemporanei

Queste torri gemelle hanno contribuito a rendere iconico lo skyline di Kuala Lumpur. Detentrici del titolo di edificio più alto del mondo dal 1998 al 2004, le strutture includono un ponte sospeso che le connette. Il progetto ha la paternità dell’architetto argentino americano César Pelli. È possibile salire sullo skybridge tra le due torri per ammirare il panorama sulla città ogni giorno (tranne il lunedì) dalle 9 di mattina alle 9 di sera. 

Heydar Aliyev Centre (1 Heydər Əliyev Prospekti, Baku)

Heydar Aliyev Centre, tra i più begli edifici contemporanei

Heydar Aliyev Centre, tra i più begli edifici contemporanei

L’Heydar Aliyev Centre di Baku è stato costruito in onore dell’allora presidente dell’Azerbaijan, del quale porta il nome. L’architetta Zaha Hadid, già vincitrice del Pritzker Architecture Prize, non ha utilizzato neanche una linea retta nella realizzazione dell’edificio. L’intero edificio è costruito come un ponte che collega passato e presente, proiettando Baku nella modernità.

Gherkin Building (30 St Mary Axe, Londra)

Gherkin Building, tra i più begli edifici contemporanei

Gherkin Building, tra i più begli edifici contemporanei

L’edificio al 30 St Mary Axe, nel cuore del distretto finnziario di Londra, non passa certo inosservato. Inaugurato nel 2004 i locali avevano già il nomignolo adatto per lui: The Gherkin, il cetriolo. Progettato da Sir Norman Foster, è oggi uno dei più importanti contributor allo skyline futuristico di Londra.

Prada Flagship Store (5-2-6 Minami-Aoyama , Tokyo)

Prada Flagship Store a Tokyo, tra i più begli edifici contemporanei

Prada Flagship Store a Tokyo, tra i più begli edifici contemporanei

L’epicentro di Prada a Tokyo è collocato nel modaiolo quartiere di Aoyama. Un edificio di 6 piani interamente rivestito da pannelli di vetro, definiti dal creatore Jacques Herzog «un device per l’interattività»: essendo semicurvi, sembra che l’edificio ci segua mentre gli camminiamo accanto.L’intento della costruzione è, sempre nelle parole di Herzog, «ridefinire il concetto e la funzione di shopping, piacere e comunicazione, incoraggiare l’unione di consumo e cultura».

Crystal Cathedral (13280 Chapman Ave, Garden Grove, California)

Chrystal Cathedral, tra i più begli edifici contemporanei

Chrystal Cathedral, tra i più begli edifici contemporanei

Progettata come sede di rappresentazioni religiose, funzionale sia come studio televisivo che come punto di aggregazione di una comunità di 3.000 persone circa. Commisionata dal televangelista Robert Schuller, gli architetti . Philip Johnson e John Burgee hanno approntato il rivestimento in vetro per mantenere la chiesa «aperta al cielo ed al mondo intorno).

foto Wikipedia

Condividi:

Leave a reply