LE COLLEZIONI DI GIOIELLI PIÙ RICCHE AL MONDO

13273
0
Condividi:

Dall’Europa centrale al Medio Oriente e all’America del Sud, le collezioni di gioielli e pietre preziose o i patrimoni delle varie dinastie e papi costituiscono una tradizione mantenuta viva ad oggi attraverso musei, mostre e negozi da esposizione. The Italian Eye Magazine vi conduce in un viaggio fra le collezioni di gioielli più ricche al mondo.  

Gold-jewellery-jewel-henry-designs-terabass

SAGRESTIA APOSTOLICA DEI PAPI AL VATICANO

Collezioni di gioielli: Musei Vaticani

Collezioni di gioielli: Musei Vaticani

Viale Vaticano, 00165, Roma

Orario: lunedì – sabato 9 – 16, chiuso la domenica (ad eccezione dell’ultima di ogni mese) e i giorni festivi.

Gli oggetti e i paramenti utilizzati dai papi per le celebrazioni liturgiche si trovano in un’area un po’ nascosta del complesso di San Pietro e i Musei Vaticani: si tratta della sagrestia (o sacrario apostolico), al quale si può accedere dalla Cappella Sistina. Lo spazio si divide in tre ambienti. Il primo, la stanza del pianto, si apre a tre sale su tre piani che conservano oggetti e paramenti di valore storico come manufatti di arte orafa e tessili. Successivamente si passa alla sagrestia nuova dove si trovano le suppelletili sacre e le vesti liturgiche dei papi, e infine si arriva alla lipsanoteca in cui si trovano reliquiari di vario tipo, dal Seicento ad oggi, donati ai papi in occasioni di beatificazioni o canonizzazioni.

I GIOIELLI DELLA CORONA NELLA TORRE DI LONDRA

Collezioni di gioielli: i gioielli della Corona nella Torre di Londra

Collezioni di gioielli: i gioielli della Corona nella Torre di Londra

London EC3N 4AB, United Kingdom

Orario: 1 novembre – 28 febbraio: martedì – sabato 9 – 16.30, domenica – lunedì 10 – 16.30. 1 marzo – 31 ottobre: martedì – sabato 9 – 17.30, domenica – lunedì 10 – 17.30.

La collezione reale londinese è costituita dai gioielli indossati e gli oggetti usati durante le cerimonie di stato, come l’incoronazione di re e regine. Essa comprende corone, scettri, globi, spade, anelli e altri oggetti cerimoniali e paramenti sacri. La maggioranza di questi appartiene alle epoche precedenti la riforma protestante, e in quanto tali possiedono spesso una simbologia cattolica. I gioielli risalgono a un periodo di tempo che va dal XIII secolo ad oggi.

LA COLLEZIONE DEL VICTORIA AND ALBERT MUSEUM, LONDRA

Collezioni di gioielli: Victoria and Albert Museum

Collezioni di gioielli: Victoria and Albert Museum

Cromwell Road, London, SW7 2RL

Orario: tutti i giorni 10.00 – 17.45, venerdì 10.00 – 22.00

https://www.vam.ac.uk/collections/jewellery

Diversamente dalla collezione della Torre di Londra, che si concentra sul patrimonio di gioielli inglese, quella del museo Victoria & Albert offre gioielli provenienti da varie parti del mondo e da diverse epoche. Tra le aree coperte ci sono il Medio e l’Estremo Oriente, il Nord e l’Est Europa, l’India e il Sud America. Il museo offre frequenti mostre, l’ultima delle quali è stata la collezione indiana di gioielli del mogul Al Thani.

SWAROVSKI CRYSTAL WORLD A WATTENS, AUSTRIA 

Collezioni di gioielli: Svarovski World

Collezioni di gioielli: Svarovski World

Kristallweltenstraße 1, 6112 Wattens, Austria

Orario: tutti i giorni 8.30 – 19.30, ultima entrata 18.30

Lo Swarovski Crystal World è stato inaugurato nel 1995 per il centenario del marchio di gioielli austriaco. Designato dall’artista multimediale André Heller, l’edificio sembra un luogo di fantasia che è stato spesso ammirato dai suoi visitatori. All’interno del negozio si trova una gamma completa di prodotti Svarovski, dalla bigiotteria agli accessori e le statuine decorative fino all’ottica.

MUSEO DEL DIAMANTE, AMSTERDAM

Collezioni di gioielli: Diamond Museum

Collezioni di gioielli: Diamond Museum

Paulus Potterstraat 8, 1071 CZ Amsterdam, Netherlands

Orario: lunedì – domenica 9 – 17

http://www.diamantmuseumamsterdam.nl/

Situato nel centro della città, il Museo del Diamante di Amsterdam espone una collezione permanente di gioielli che include pezzi famosi come il Katana, il diamante Rembrandt e il teschio di scimmia. Il museo offre un laboratorio basico del diamante strutturato con una spiegazione e una successiva lavorazione (taglio e lucidatura) di un diamante.

I GIOIELLI DELLA CORONA SVEDESE ALLO SKATTKAMMAREN, STOCCOLMA

Collezioni di gioielli: corona nuziale svedese

Collezioni di gioielli: corona nuziale svedese

Palazzo Reale | Gamla Stan, Kungliga Slottet, Stockholm, Sweden

Orario: martedì – domenica 12 – 16

I gioielli della corona svedese sono custoditi nei sotterranei del Palazzo Reale di Stoccolma, dove ha sede la tesoreria reale svedese (Skattkammaren). Fino al 1907 sono stati usati per l’incoronazione dei reali, e dal 1974 sono esposti nella cerimonia annuale d’apertura del parlamento della città. Tra gli oggetti più preziosi della collezione rientrano la spada di Gustavo Vasa e la corona, il globo, lo scettro e le chiavi di Erik XIV di Svezia..

I GIOIELLI REALI DEL GRAN PALAZZO DEL CREMLINO, MOSCA

Collezioni di gioielli: corona imperiale di Russia

Collezioni di gioielli: corona imperiale di Russia

Partizanskaya Street. 25121351 Mosca, Russia, 103073

Orario: 10 – 17, chiuso il martedì

Localizzato nel cuore di Mosca, il palazzo del Cremlino contiene nella parte espositiva sudorientale i gioielli degli zar russi e di altri personaggi della corte, oltre che elementi come troni, spade, scettri, corone e altri. La collezione va dal XII secolo alla fine del XX secolo. Al momento il museo sta ospitando una mostra chiamata Gioielli ispirati all natura (1/04 – 31/07).

MUSEO NAZIONALE DEI GIOIELLI, TEHERAN

Collezioni di gioielli: Museo Nazionale dei Gioielli di Tehran

Collezioni di gioielli: Museo Nazionale dei Gioielli di Teheran

Ferdowsi Avenue | Central Bank of I.R. Iran, Teheran, Iran

Orario: sabato – martedì 14.00 – 16.30, chiuso il mercoledì, finesettimana e festività

I gioielli della corona iraniana sono conservati oggi nel Museo Nazionale dei Gioielli a Teheran; il patrimonio della corona ricopre un lasso di tempo di 2500 anni, a partire dalla nascita dell’impero iraniano. La collezione comprende una grande quantità di oggetti come spade, scudi ingioiellati, troni e corone decorativi e tiare, oltre che molti diamanti e pietre preziose. Nel corso del 1900, questi ultimi sono stati resi noti dalla dinastia Pahlavi, ad esempio, nelle visite di stato all’estero in cui lo scià Mohammad Reza Pahlavi e la consorte Farah Pahlavi li indossavano

MUSEO DEI GIOIELLI REALI, ALESSANDRIA D’EGITTO

Jewelry Collections

27 Ahmed Yehia Pasha, Alexandria Governorate, Egypt

Orario: 9 – 16

Inaugurato nel 1986 e riaperto nel 2010 in seguito a anni di rinnovamento, il museo è stato creato in quello che era il palazzo della principessa Fatima Al Zahra’, nella zona di Zizenia della città. La collezione contiene gioielli e oggetti decorativi della dinastia di Mohammad Ali che vanno dal 1805, l’inizio della dinastia stessa, al 1952, lo scoppio della rivoluzione egiziana

H. STERN A RIO DE JANEIRO

Collezioni di gioielli: H.Stern

Collezioni di gioielli: H.Stern

Rua Garcia d’Avila, 113 – Ipanema, Rio de Janeiro – RJ, 22421-010, Brazil

Orario: lunedì – venerdi 9 – 18, sabato 9– 12

Il museo H. Stern è legato alla compagnia di gioielli di Hans Stern fondata in Brasile nel 1945 e oggi presente in altre sedi internazionali in Sud America, Stati Uniti, Asia e Europa. Nel museo è possibile seguire due tour: quello delle gemme, basato sulla lavorazione di queste ultime, e quello delle gemme brasiliane, che ruota attorno ad accessori come orecchini e collane.

MUSEO DELL’ORO, BOGOTÁ

Collezioni di gioielli: Museo dell'Oro

Collezioni di gioielli: Museo dell’Oro

Carrera 6, 15-88, Bogotá, Cundinamarca, Colombia

Orario: martedì – sabato 9 – 18, domenica 10 – 16

Fondata nel 1939 con scopo di proteggere il patrimonio archeologico nazionale, la collezione del museo espone manufatti d’oro, opere in pietra, legno, metallurgiche e tessili dell’epoca pre-colombiana. Otre allo scopo espositivo, il museo serve da testimonianza degli oggetti decorativi usati dalle popolazioni che abitavano nell’area prima dell’arrivo degli europei nel continente.

Condividi:

Leave a reply