CASA DE PILATOS, IL PALAZZO PRIVATO PIÙ BELLO DI SIVIGLIA

Condividi:

La città di Siviglia non manca certo di palazzi sontuosi ed angoli suggestivi. Ovunque nelle strade si respira l’aria dolce della gioia di vivere andalusa, mista ad un certo vivre et laisser vivre tipico dei popoli mediterranei. La forte impronta moresca rimasta sulla città dona inoltre quel tocco esotico che rende Siviglia un capolavoro architettonico. Il palazzo privato più bello della città è sicuramente Casa de Pilatos, dimora dei Duchi di Medinaceli.

Terzo monumento più visitato di Siviglia, dopo la Cattedrale e l’Alcazar, la Casa de Pilatos è un eccezionale esempio di arte mudejar, quello stile architettonico caratterizzato dalla fusione di elementi islamici e cristiani, reso ancora più particolare dalla presenza di rimandi al rinascimento italiano.

Casa de Pilatos, una visita esclusiva al palazzo privato più bello di Siviglia

Casa de Pilatos, una visita esclusiva al palazzo privato più bello di Siviglia

The Italian Eye scopre gli interni del palazzo con l’aiuto di due guide d’eccezione: Sol e Luna Medina, ultima generazione della stirpe dei Medinaceli. Entrambe impegnate nella gestione dell’albergo di famiglia, Las Casas de la Judería, giovani, intraprendenti e felici di mostrare al mondo l’eccezionale dimora dove ha vissuto tutta la famiglia fino a loro padre.

I particolari nella Casa de Pilatos sono unici: un susseguirsi di cortili, colonne, statue, fontane, giardini e ancora logge, archi e piante esotiche.

Il cortile

Patio - Casa de Pilatos, una visita esclusiva al palazzo privato più bello di Siviglia

Patio – Casa de Pilatos, una visita esclusiva al palazzo privato più bello di Siviglia

Il bellissimo cortile principale è il fulcro attorno al quale ruota tutta la struttura. Un patio rettangolare ornato da statue, colonne e busti di personaggi illustri legati all’antichità.

Se provate a posizionarvi nel mezzo del cortile, potrete vedere che le colonne non sono sistemate in maniera simmetrica.” – ci spiega Luna Medina – “Anzi, tutti gli archi che sorreggono le colonne sono di dimensioni diverse. Questo perché, nella cultura islamica, l’uomo non può essere in grado di rappresentare la perfezione, e quindi venivano costruiti tutti gli ambienti lasciando una sorta di traccia, un’imperfezione che ricordasse la piccolezza dell’uomo nei confronti di Dio. E sempre per ispirazione moresca troviamo la scritta <Allah è grande> che campeggia in alto, come nell’Alcazar di Siviglia.”

Il cortile è veramente spettacolare e rimanda ad una diversità di stili che insieme non si penserebbe mai potessero risultare in una tale bellezza. Gotico, mudejar, elementi rinascimentali e romantici, fusi insieme per rappresentare le varie epoche ed i vari proprietari. La collezione di statue poi è eccezionale: il Duca di Alcalà, da appassionato d’antichità, sovvenzionava scavi e comprava intere collezioni. Papa Pio V gli diede addirittura il permesso di portare a Siviglia alcuni pezzi presi dal Vaticano ed esibirli qui.

Azulejos

Azulejos - Casa de Pilatos, una visita esclusiva al palazzo privato più bello di Siviglia

Azulejos – Casa de Pilatos, una visita esclusiva al palazzo privato più bello di Siviglia

Proseguendo nella Camera del Pretore, a est del cortile principale, entriamo nel paradiso degli azulejos. La Camera infatti presenta la più grande e meglio conservata collezione di azulejos fatti seguendo la tecnica detta cuenca. Queste particolari piastrelle venivano premute nell’argilla con l’aiuto di uno stampo; i contorni in rilievo delimitavano le aree da vetrificare. Questo permetteva ai diversi colori di non mischiarsi insieme al momento della cottura.

Statue - Casa de Pilatos, una visita esclusiva al palazzo privato più bello di Siviglia

Statue – Casa de Pilatos, una visita esclusiva al palazzo privato più bello di Siviglia

La Casa de Pilatos e l’Alcazar di Siviglia sono gli esempi più illustri di piastrelle fatte a cuenca, ma non solo. Sempre in questa stanza infatti si può vedere cosa succede quando invece i colori si mischiano. Personalmente adoro questi azulejos imperfetti ma assolutamente unici” continua Luna toccando le fredde mattonelle poste su tutte le pareti della stanza. “Il fatto di mettere sempre azulejos non era poi una scelta puramente estetica, anzi, è l’unico materiale che riesce a mantenersi freddo quando ci sono 50°C fuori, e ad allontanare l’umidità.”

In effetti, le temperature proibitive dell’Andalusia d’estate rendevano il lavoro degli architetti essenziale anche dal punto di vista della sopravvivenza. I patii interni, le fontane e i giardini, tutto deve contribuire ad areare la casa. “Ed a proposito di stile eclettico: avevate mai pensato ad associare gli azulejos con il soffitto a cassettone?” Alziamo la testa e vediamo infatti un meraviglioso soffitto di legno scuro intarsiato.

Soffitto - Casa de Pilatos, una visita esclusiva al palazzo privato più bello di Siviglia

Soffitto – Casa de Pilatos, una visita esclusiva al palazzo privato più bello di Siviglia

Un luogo da film

Il piano terra della Casa si estende come un labirinto. Stanze riccamente decorate, giardini disegnati da architetti illustri (ricordiamo lo splendido giardino di Benvenuto Tortello, con i due patii interni che si guardano) ed una cappella gotica.

Scalone - Casa de Pilatos, una visita esclusiva al palazzo privato più bello di Siviglia

Scalone – Casa de Pilatos, una visita esclusiva al palazzo privato più bello di Siviglia

Al piano superiore si accede attraverso un grande scalone monumentale, anch’esso decorato con una miriade di azulejos colorati. Qui le stanze sono arredate quasi come fossero ancora abitate dalla famiglia: salotti, sale da pranzo e camere da letto, riprese anche per i famosi colossal Lawrence d’Arabia del 1962 e The Kingdom of Heaven del 2005.

Alle pareti, inoltre, capolavori di ogni epoca: da Francisco Pacheco, allievo di Velázquez, a Luca Giordano; da Vanvitelli con quadri raffiguranti Venezia, Roma e Napoli, a Juan de Valdés Leal e Jusepe de Ribera.

Plaza de Pilatos, 1 – 41003 Sevilla. Telf: (+34) 954 22 52 98. Fax: (+34) 954 21 90 12. casapilatos@fundacionmedinaceli.org

Condividi: