CARNEVALE DI VENEZIA 2017: ORIGINI, MASCHERE E FESTE

3355
0
Condividi:

Dove andreste se poteste viaggiare indietro nel tempo? Magari in un passato distante e affascinante, prendendo parte ad una tradizione descritta nei libri di storia. Proprio come il Carnevale di Venezia, quest’anno dall’11 al 28 febbraio. Queste due magnifiche settimane saranno piene di esperienze mozzafiato: spettacoli in strada, balli in maschera, concorsi di maschere e sfilate. Un vero e proprio tuffo in un’altra epoca, molto più di una semplice attrazione turistica. Le debolezze umane, i costumi storici e l’ambiente artistico sono pronti ad animare i romantici canali, pieni di colori e musica.

Dove tutto iniziò

Carnevale di Venezia 2017: origini, maschere e feste

Carnevale di Venezia 2017: origini, maschere e feste

Il carnevale di Venezia iniziò ufficialmente nel 1162 quando i cittadini celebrarono la vittoria sul Patriarca di Aquileia. Questo evento ha da sempre uno sfondo religioso, dato che finisce il giorno prima dell’inizio della Quaresima Cattolica, il periodo che precede la Pasqua. Per questo alcune teorie suggeriscono che la parola carnevale abbia origine nella combinazione in latino di carne e vale, alludendo all’ “addio alla carne” che accade durante il digiuno Quaresimale.

Maschere e Grand Tours

Carnevale di Venezia 2017: origini, maschere e feste

Carnevale di Venezia 2017: origini, maschere e feste

Le maschere che si indossano durante il Carnevale sono gli elementi decorativi più importanti e simbolo della città. La loro origine risale al 1700. All’epoca la gente andava a Venezia ad acquistare opere d’arte contemporanea e a vedere i canali, i quali facevano della città un’attrazione turistica ed un porto ricco e molto importante. Molti turisti arrivavano per via dei Grand Tours, ai quali partecipavano principalmente i giovani uomini che avevano appena finito l’università. La vita notturna veneziana era una gemma segreta, dato che il governo aveva rilassato le leggi attorno a gioco e prostituzione. I ricchi e potenti dell’epoca venivano da tutta l’Europa proprio per perdere la loro identità per una notte, con l’aiuto delle maschere.

Un gioco che arriva fino ai nostri giorni

Il Ridotto, Pietro Longhi

Il ridotto era il nome ufficiale per gli appartamenti segreti che erano utilizzati come case da gioco e bordelli, dove si confondevano le nobildonne con le prostitute. Tutti erano in incognito. Un mistero. Un gioco. Solo dopo un’occhiata più attenta si poteva distinguere il pizzo costoso o la pelliccia degli ospiti ricchi dell’alta società. Anche se il Carnevale fu proibito numerose volte nel corso degli anni – come durante la conquista Austriaca di Venezia nel 1789 o negli anni 30 di Mussolini – fu ristabilito con grande successo negli anni 70. Oggi giorno gli eventi attirano intorno a 3 milioni di turisti ogni anno, e l’economia nazionale riceve l’apporto anche dalla produzione delle maschere.

Tipi di maschere e dove acquistarle

Tipi di maschere veneziane

Tipi di maschere veneziane

I veneziani potevano indossare le maschere per sei mesi all’anno; tuttavia, questo era anche un simbolo degli attori della Commedia dell’Arte, che intrattenevano gli spettatori con spettacoli farseschi. Esistono diversi tipi di maschere, ma una delle più popolari è la Colombina, indossata con un cappello a tricorno ed illustrata nelle pitture dell’artista rococò Rosalba Carriera. Un altro tipo di maschera poco conosciuta si chiama Moretta, e veniva utilizzata dalle donne di facili costumi. La maschera veniva retta mordendo un bottone, quindi non lasciava parlare la persona che l’indossava, rendendo gli incontri ancora più misteriosi.

Carnevale di Venezia 2017 -

Carnevale di Venezia 2017 –

Ci sono poi le maschere di Arlecchino, altre con un lungo becco che rappresentano il Medico della Peste (una versione più piccola si chiama Zanni e solo copre gli occhi), mentre quella più misteriosa è Volto, che copre completamente il viso. Infine c’è Bauta, una maschera dalla mascella quadrata che assomiglia alle armature medievali ed è anche conosciuta come la maschera di Casanova.

Le vere maschere della tradizione sono opere d´arte fatte a mano. I posti migliori dove acquistarle sono Ca´Macana (Dorsoduro 3172; +39 0412776142); La Bottega dei Mascareri (S. Polo 80; +39 041 277 6142) e Cà Del Sol (Castello 4964; +39 041 528 5549).

Eventi principali del Carnevale di Venezia 2017

Il Ballo del Doge

Carnevale di Venezia 2017 – Il Ballo del Doge

Il Carnevale 2017 è costellato da molti eventi, alcuni gratuiti, altri con necessità di prenotazione anticipata. Il Carnevale inizia l’11 febbraio alle 18 con la Festa Veneziana, sulle acque del Rio di Cannaregio. Questo evento include spettacoli di luce, musica ed intrattenimenti. Ci saranno poi i concorsi di maschere in Piazza San Marco e gli spettacoli di strada sulla Piazza Ferretto. Uno degli eventi più importanti e attesi è il Ballo del Doge, una cena di gala a Palazzo Pisani Moretta con balli e performance esclusive. Quest’anno il Ballo sarà il 25 febbraio col tema Cupid in Wonderland.

Il Ballo del Doge

Carnevale di Venezia 2017 – Il Ballo del Doge

Altri balli di gala sono pronti ad incantarvi. Il Saint Valentine’s Carnival Ball si svolge a Palazzo Contarini della Porta di Ferro il 14 febbraio con prezzi a partire da 113€, mentre il Carnival In Love Grand Ball a Palazzo Benzon sarà il 24 febbraio, con prezzi a partire da 134€. Per ulteriori informazioni, orari, luoghi e biglietti: http://www.carnevale.venezia.it/en/events-list/; http://venice-carnival-italy.com/events/

Condividi: