TRENDSETTING: I 13 QUARTIERI EMERGENTI PIÙ COOL DEL MONDO

7319
0
Condividi:

I luoghi dove nuovi stili e nuove mode stanno nascendo in questo preciso istante. Da dove arriva tutto ciò che fa tendenza. I 10 quartieri emergenti più cool del momento in tutto il mondo.

QUARTIERI EMERGENTI NEL MONDO

GINZA, TOKYO (GIAPPONE)

quartieri emergenti

quartieri emergenti. Ginza, Tokio

Definita da molti la “Montenapoleone giapponese”, Ginza non bada certo a spese quando si tratta di ospitare i grandi nomi del mondo della moda e del lusso. Dimenticate vetrine ad altezza uomo e palazzi nobiliari: qui Armani, Dior, Hermes e tanti altri possiedono vertiginosi grattacieli dalle strutture hi-tech. E se siete patiti di fotografia, niente di meglio degli showroom di Canon, Nikon, Fujifilm e tutti gli altri colossi made in Japan, pronti ad allestire mostre fotografiche 365 giorni l’anno. Stanchi per lo shopping sfrenato? Per riposarsi c’è il Kabuki-za Theatre, che ospita spettacoli danzanti dalla tradizione secolare.

Dove mangiare: Tapas Molecular Bar. Cucina molecolare interattiva, esperienze sensoriali futuristiche. Per chi non bada a spese per una cena stellare.  2-1-1 Nihonbashi Muromachi, Chuo-ku, Tokyo. +81 (3) 3270 8800

Dove dormire: The Tokyo Station Hotel. Allure europeo e un palazzo faraonico datato 1915. Per chi desidera un’oasi di pace in mezzo alla metropoli. 9-1 Marunouchi, Chiyoda, Tokyo. +81-3-5220-1111

MOSAIC DISTRICT, FAIRFAX (USA)

Quartieri emergenti: Mosaic District, Fairfax

Quartieri emergenti: Mosaic District, Fairfax

Un quartiere pensato per far incontrare il senso di comunità con l’urban design più moderno. Brand indipendenti come Sophie Blake e Scout&Molly’s si contendono le vetrine, mentre la mania del cibo organico e dei prodotti freschi invade ristoranti e centri commerciali come green come Whole Foods. Gli spazi pubblici vogliono facilitare il più possibile vita e interazioni: dalle panchine ultra-comode alla pavimentazione tacco-friendly, dai parcheggi liberi segnalati da insegne elettroniche alle iniziative di intrattenimento, fra degustazioni d’olio e premiere di film indie

Dove mangiare: True Food Kitchen. Menu stagionali e canne di bamboo a decorare. Per gli amanti della vita green. 2910 District Ave #170 Mosaic District, Fairfax. 571.326.1616

Dove dormire: Hyatt House Falls Church. Struttura dal design eco-friendly e internet a velocità supersonica. Per chi ama la natura senza rinunciare alla tecnologia. 8296 Glass Alley, Fairfax. +1 571 327 2277

BELLEVILLE, PARIGI (FRANCIA)

Quartieri emergenti: Belleville, Paris

Quartieri emergenti: Belleville, Paris

C’è aria di creatività fra i vicoli di Belleville: sarà per la presenza della casa natale di Édith Piaf? Oppure perché in questi luoghi si svolgevano le vicende della famiglia Malaussène, nata dalla penna di Daniel Pennac? Di sicuro, ad aggirarsi fra i ridotti saliscendi (proprio qui si trova la via più stretta di Parigi, il passage de la Duèe) ci si sente più in un paesino di provincia che nella capitale francese. Caffè e birrerie artigianali si affacciano sui gradini ripidi, mentre le vetrinette non griffate invitano ad entrare, magari alla ricerca di quell’oggetto che solo una vera parisienne può trasformare da anonimo a à la mode.

Dove mangiare: Le Jourdain. Tanti, tantissimi bocconi di pesce da assaggiare fra una bollicina e l’altra. Per chi ha voglia di tapas, ma che parlino francese. 101, rue des Couronnes, Parigi. +33 1 43 66 29 10

Dove dormire: Hotel de la Mare. A due passi dall’iconico Cimetière du Père Lachaise, con una padrona di casa che lascia ogni mattina un sacchettino con croissant freschi fuori dalla vostra porta. Per chi vuole godersi la vie en rose. 20 Rue de la Mare, Paris. +33 1 43 66 08 59

CONDESA, CITTÀ DEL MESSICO (MESSICO)

Quartieri emergenti: Condesa, Mexico City

Quartieri emergenti: Condesa, Città del Messico

Hipster che sorseggiano caffè da tazze variopinte, studentesse che fanno jogging, locali per ballare la salsa accanto a club con l’elettronica al massimo. Condesa è il vitaminico e multietnico quartiere di Città del Messico che non fa rimpiangere Londra e Berlino. L’architettura anni ’20 e ’30 fa da sfondo a tanto verde, dove impazzano i fan dello yoga e gli amanti degli animali, quest’ultimi aiutati anche da innumerevoli pet shops e servizi di grooming. Condesa è anche il cuore pulsante della vita notturna, fra mezcalerie e aperture di gallerie d’arte, tutte rigorosamente gestite da under 40.

Dove mangiare: La Guapachosa. Taqueria dove si può mangiare dondolando sull’altalena. Per chi non si lascia spaventare dai tacos alle cavallette. Avenida Oaxaca 31, Cuauhtémoc, Ciudad de México. + 52 55 5531 7216

Dove dormire: The Red Tree House. B&b con quadri caleidoscòpici e un giardino che sembra una giungla (curata). Per chi cerca sa che il design si può trovare anche nei luoghi a basso budget. Culiacan 6, Colonia Condesa, Mexico City. +52 55 5584-3829

WARWICK TRIANGLE, DURBAN (SUD AFRICA)

Quartieri emergenti: Warwick Triangle, Durban

Quartieri emergenti: Warwick Triangle, Durban

O meglio, “il triangolo dei mercati”. Sì perché è a questo crocevia che si svolgono quotidianamente una decina di mercati diversi: c’è quello per appassionati di musica e vinili vintage, quello delle erbe contro ogni malanno (suocera compresa), quello delle perline e dell’artigianato Zulu. Con una breve passeggiata post shopping si può poi raggiungere il Golden Mile, il lungomare di Durban che fa invidia a quello di Miami per palmizi e edifici ultra moderni, oppure avventurarsi dentro l’acquario e parco marino uShaka Marine World. Ma attenti agli squali.

Dove mangiare: Cargo Hold. Cucina internazionale a tu per tu con gli abissi marini. Per chi ha sempre sognato di cenare dentro una nave fantasma. 1 King Shaka Ave, Point, Durban. + 27 31 328 8000

Dove dormire: The Concierge Boutique Bungalows. Design curato al millimetro immerso nella natura. Per chi potrebbe vivere dentro al Salone del Mobile.  36 – 42 St Mary’s Avenue, Greyville, Durban. +27 31 309 4453 | 4434

KENSINGTON MARKET, TORONTO (CANADA)

Quartieri emergenti: Kensington Market, Toronto

Quartieri emergenti: Kensington Market, Toronto

Una scuola di Burlesque, un centro di promozione della cultura Filippina, decine di negozi di abiti vintage con pezzi direttamente dagli anni ’40. A Kensington Market la parola d’ordine è libertà di espressione: l’arte africana di Tribal Eye può fiancheggiare il barber shop hipster Crows Nest, i coffee shop diventano spazi di lavoro comune e pure chi ripara biciclette come Red Arrow Bikes sforna creazioni d’arte. Il tutto in una città, Toronto, considerata una delle migliori 5 al mondo in cui vivere.

Dove mangiare: Vegetarian Heaven. Piatti esclusivamente vegetariani preparati secondo i concetti dell’alta cucina. Per chi non si fa spaventare da tofu e seitan. 17 Baldwin Street, Toronto. +416.621.3636

Dove dormire: Hotel Ocho. Mattoni, enormi vetrate, decorazioni minimal. Per chi non sa rinunciare ad un angolo di New York anche in Canada. 195 Spadina Avenue, Toronto. +416 593-0885

ISOLA, MILANO (ITALIA)

Quartieri emergenti: Isola, Milano

Quartieri emergenti: Isola, Milano

Un tempo circondato dall’acqua (ecco spiegato il nome), questo quartiere racchiude l’energia di una Milano in continuo fermento. Giardini nascosti, orti comunitari per prodotti a km 0, locali di prima scelta (uno su tutti, il jazz bar Blue Note), e come sfondo lo skyline di Porta Nuova, con il grattacielo Unicredit e il Bosco Verticale di Stefano Boeri a fare da contrappunto tecnologico all’aria radical chic del quartiere. Da non perdere la Torre Arcobaleno di Porta Garibaldi,  un’ex serbatoio d’acqua ricoperto da 100mila piastrelle di ceramica colorate e da poco rimesso a nuovo in occasione di Expo2015.

Dove mangiare: Les Pommes Bistro. Dal brunch tradizionalmente abbondante ad una selezione di liquori per il drink della sera. Per chi la domenica mattina vuole farsi coccolare. via Pastrengo, 7, Milano. +39 02 87074765

Dove dormire: Residence Zara. Appartamenti dotati di ogni comfort e mobili d’antiquariato. Per chi vuole un’esperienza da casa italiana a 360 gradi. Viale Zara 1, Milano. +39 02 668191

CUBA STREET, WELLINGTON (NUOVA ZELANDA)

Quartieri emergenti: Cuba Street, Wellington

Quartieri emergenti: Cuba Street, Wellington

Anche se il nome deriva da quello di una nave di coloni approdata qui nel 1840, l’omonima isola caraibica ha comunque grande influenza sul quartiere di Wellington. Fidel’s Cafè promette un vero caffè cubano, mentre Havana fa sorseggiare cocktail a base del migliore rum. A completare il quadro, il museo nazionale Te Papa, vicoli ricoperti da graffiti variopinti, gallerie d’arte bohémien, musicisti di strada da brivido. Senza contare i negozi di abiti vintage: Cuba street dà una seconda chance proprio a tutti.

Dove mangiare: Matterhorn. Uno chef stellato, Sean Marshall, che considera “l’atteggiamento più importante dell’abbigliamento”. Per chi vuole che anche il cibo da bar sia gourmet. 106 Cuba Street, Wellington. +64 04 384 3359

Dove dormire: At Home Wellington. Pochissime camere, enormi terrazze in legno, mazzi di fiori sempre freschi. Per chi ama guardare la movida dall’alto. 181 Wakefield St, Te Aro, Wellington. +64 (4) 802 0858

JUMEIRAH BEACH RESIDENCE, DUBAI (EMIRATI ARABI UNITI)

quartieri emergenti

quartieri emergenti; Jumeirah Bech Residence, Dubai

Un lungomare, The Walk, che fa da location a sfilate a cielo aperto. Il progetto di un arcipelago artificiale, Bluewaters Island, in corso di realizzazione, così come quello per la ruota panoramica più alta del mondo. E poi festival di pittura come Dubai Canvas, più di 70 grandi nomi fra designers e ristoratori, una vita notturna fatta ti terrazze a capofitto sul Golfo Persico. Il complesso residenziale Jumeirah Beach è la sintesi perfetta di quel lusso over the top che solo gli Emirati Arabi possono regalare.

Dove mangiare: Samad Al Iraqi. Cucina irachena con ricette dalla tradizione Sumera. Per chi vuole sognare in un’atmosfera da mille e una notte. Jumeirah Beach Road, Dubai. +971 4 342 7887

Dove dormire: Dubai Marine Beach Resort & SPA. Spiaggia privata e ristorante accessibile solo a piedi nudi. Per chi vuole fuggire dai grattacieli kitch. Jumierah Beach Road, Dubai. +971 4 3461111

OLD HARBOR, REYKJAVIK (ISLANDA)

Quartieri emergenti: Old Harbor Reykjavik

Quartieri emergenti: Old Harbor Reykjavik

Il contrasto fra il legno consunto delle barche a vela ormeggiate e la parete di vetro smerigliata della modernissima Harpa Opera House lascia senza fiato. È proprio il mix equilibrato di tradizione e contemporaneità a rendere il porto vecchio di Reykjavik meta ambita da turisti e persone del posto. Fra l’avvistamento di un soffio di balena è una visita al gagliardo Viking Maritime Museum è d’obbligo farsi tentare da un caffè nerissimo, magari di fronte a un barista che ci racconta dei suoi antenati guerrieri. In pieno spirito islandese.

Dove mangiare: Islenski Barinn. Balena con crema al pepe nero, squalo putrefatto, ma anche semplici hamburger. Per chi si sente un vero vichingo. Ingólfsstræti 1a 101, Reykjavík. +354 5176767

Dove dormire: Reykjavik 4 you Apartments Hotel. Cucina super equipaggiata e tavolini da caffè a forma di yin e yang. Per chi non smette mai di aver voglia di cucinare. Bergstaðastræti 12 101, Reykjavik. +354 661 6700 

POHO, HONG KONG

quartieri emergenti

quartieri emergenti; Poho, Hong Kong

Ogni edificio del quartiere ha la parola ‘Po’ (che in Cantonese significa ‘tesoro’) nel proprio nome. E da ciò, l’area tra Po Hing Fong e Tai Ping Shan Street a Sheung Wan, è conosciuta come PoHo. È oggi uno dei ritrovi più vivaci e alla moda per la lost generation di Hong Kong. Da provare i caffè MANA! e 3rd Space. E la panetteria indipendente Po’s Atelier. Oppure gironzolate tra le tante boutique di designer emergenti (dagli abiti all’arredo) e i tanti esempi di street art tra le vie del quartiere.

Dove mangiare: Uppern Modern Bistro. Ristorante di alta fascia di cucina francese (dalle ostriche, al piccione al fois gras). Gestito dal giovane e talentuoso chef Julien Cadiou. 6-14 Elegance Court G/F Upper Station Street, Sheung Wan; (+852) 2517 0977.

Dove dormire: Ovolo Noho Hotel. Nuovo boutique hotel di design con poche camere al centro del quartiere. Arredato con stile. Il bar serve un’ottima prima colazione. Oltre all’happy hour che ai clienti è offerto. 286 Queens Road Central; +852 3423 3286. 

LA CABRERA, BOGOTÁ (COLOMBIA)

quartieri emergenti

quartieri emergenti; La Cabrera, Bogotà

La Cabrera è un vivace quartiere alla moda di Bogotà. È conosciuto per le boutique di lusso e il tanto verde presente. negli ultimi anni è stato preso d’assalto da stilisti e galleristi che hanno aperto qua molte attività. Come il concept store Per Se (Cl. 81 #8-36). O Leal Daccarret (17 primer piso, Ac 80 #90) che produce abiti colorati d’ispirazione colombiana totalmente artigianali.

Dove Dormire: B.O.G. Hotel. Il Primo boutique hotel di Bogotà. Ispirato ai materiali più preziosi in Colombia: l’oro e lo smeraldo. Con una lussuosissima Spa e un ottimo ristorante di specialità colombiane. Carrera 11 no 86 – 74; +57 (1) 639 99 99.

Dove mangiare: La Brasserie. Sembra di stare nel mezzo di un giardino tropicale. Ma ci troviamo nel pieno centro di Bogotà. La Brasserie è un ristorante di cucina francese con una carne alla griglia da ricordare. Cra. 13 #85-35; +57 1 2576402

STATION DRIVE PRECINCT, DURBAN (SUDAFRICA)

quartieri emergenti

quartieri emergenti; Station Drive Precinct, Durban

Il the place to be di Durban è sicuramente il quartiere di Station Drive Precinct. Fino a poco tempo fa era  un area non frequentabile. Ma in pochi anni si è rigenerato in una zona piena di vita e fermento. Ristoranti, designers, gallerie d’arte e birrerie: il tutto a due passi dalla spiaggia e dal centro della città. Da non perdere il Morning Trade Market ogni Domenica mattina.

Condividi:

Leave a reply